*
Pagine: 1 [2]

 LE RELIGIONI MISTERICHE: IL COSA E IL PERCHÉ

 

Frequentando forum che si occupano di religione e spiritualità, molto spesso si incontrano discussioni molto interessanti, e a volte di natura spinosa, che si incentrano sia sulle credenze personali di chi scrive che attorno a specifiche tradizioni. Uno degli argomenti più difficili da affrontare e che suscita dubbi e domande riguarda le Religioni Misteriche, il loro scopo, e la definizione stessa di cosa siano questi misteri. Un'altra domanda che ci si pone è se il praticante solitario sia in grado o meno di accedere a tali misteri. Di seguito cercheremo di rispondere ad alcune di queste domande.

 

Cosa sono questi misteri e come possiamo definirli?

La definizione di "misteri" la possiamo trovare in qualsiasi dizionario:

 

"...qualcosa che è difficile, se non impossibile, da comprendere o spiegare..."

 

Nel contesto di una Religione Misterica i misteri sono la conoscenza nascosta e le rivelazioni riguardanti il divino e il nostro posto nell'universo. Tali rivelazioni sono solitamente raggiunte attraverso una specifica gamma di riti e rituali all'interno di una tradizione o sentiero volti ad "aprire la porta", per così dire, ai misteri stessi. Ciascuna tradizione avrà il suo unico insieme di strumenti (riti, rituali, simboli e pratiche) utili all'apertura delle suddette porte, che permetteranno a coloro che seguono tale tradizione di fare le necessarie esperienze e ricevere le necessarie conoscenze atte alla comprensione dei misteri.

 

Suona tutto molto dogmatico. In cosa si differenzia allora una Religione Misterica da, diciamo, la Chiesa Cattolica?

La definizione di misteri e di Religione Misterica non è affatto affine ad una qualsiasi cosa presente all'interno della Chiesa Cattolica o similari. Perché? È presto detto: tali religioni sono conosciute come religioni rivelate, all'interno delle quali il tutto è già stato spiegato per filo e per segno dal dio o dalle divinità attraverso i libri sacri, le profezie, e tutto quell'armamentario spirituale da cui sono caratterizzate. Le pratiche che compongono questo tipo di religiosità sono disponibili a chiunque voglia leggersi una copia del libro sacro e decida che è ciò che fa per lui. Quasi sempre in tali religioni c'è bisogno di un membro del clero che agisca come intermediario fra il divino e l'umano, per quanto chiunque possa pregare o parlare col dio o con gli dei di riferimento.

 

Le religioni misteriche sono l'esatto opposto delle religioni rivelate. In genere non possiedono alcun testo sacro e men che meno una serie di leggi o dogmi da seguire  comunicati direttamente dalle divinità. Ciascuna tradizione permette l'accesso ai misteri attraverso una specifica serie di "porte" che ogni membro dovrà attraversare per far propri gli insegnamenti che custodiscono:  riti e rituali per far ciò differiscono da tradizione a tradizione. Oltretutto non esiste alcun singolo intermediario che agisca come voce del divino. Ogni persona ha pieno e diretto accesso alle divinità nel modo che le è più conforme.

 

La Wicca è una religione misterica e quando si viene iniziati ad essa non si viene iniziati solo ad una congrega, ma anche ai misteri. Questo significa quindi che per conoscere i misteri della Wicca bisogna per forza far anche parte di una congrega?

Come abbiamo appena detto, esistono numerose Religioni e Tradizioni Misteriche e ciascuna di esse ha i suoi riti e rituali atti alla percezione stessa dei misteri. Questo significa, ovviamente, che bisogna essere iniziati a tale tradizione per poter accedere a tali misteri esattamente nel modo in cui è stato "programmato".

 

E' prassi comune nelle congreghe Wiccan quella di non dare molti dettagli ai nuovi iniziati riguardo le esperienze che si faranno, per far si che tali esperienze personali non siano condizionate da quelle del resto del gruppo. Ciò che emerge, invariabilmente, è che i nuovi iniziati racconteranno di esperienze del tutto simili, se non proprio identiche, a quelle del gruppo, appena il legame fra il singolo e la comunità inizierà a rafforzarsi. Questo è uno degli indicatori che ci fanno capire come il lavoro di congrega sia una chiave fondamentale per l'accesso ai misteri della Wicca.

 

E' stato detto che i misteri non possono essere comunicati, ma solo raggiunti direttamente. Ma allora perchè un solitario non può avere le stesse esperienze?

Non è propriamente così: un solitario può, e spesso avrà, conoscenza e comprensione dei "misteri" - ovvero di ciò che viene definita gnosi personale - ma per avere conoscenza dei misteri legati ad una specifica tradizione, bisognerà, di nuovo, essere membri di quella tradizione, attraverso l'iniziazione o simili rituali. Questi specifici misteri sono di natura del tutto esperienziale e non possono essere disponibili a coloro che non appartengono a tale tradizione o religione semplicemente perché non si possiede il bagaglio di "attrezzi" (riti, rituali, preghiere...) adatti a schiuderli.

 

Questo sistema è in voga da migliaia di anni e si riscontra già in religioni come i Misteri Eleusini, i Misteri Mitraici, o i Mysteria Mater.

 

Le esperienze dei misteri attraverso la Wicca saranno diverse da quelle di un iniziato ad un altro cammino e saranno diverse da quelle del praticante solitario, anche se potranno esserci delle somiglianze e analogie.

 

Perché i misteri sono nascosti? Perchè vengono rivelati solo a determinate persone e non sono a disposizione di chiunque?

Non c'è alcuna vera ragione logica dietro questo: semplicemente, è così che stanno le cose. L'umanità ha sempre cercato motivazioni più profonde dietro la vita e il divino attraverso i millenni, e probabilmente non smetterà mai. Sappiamo ancora pochissimo di questo mondo e dei mondi attorno ad esso, alla dimensione astrale e ai luoghi dove risiedono gli dei, e così via. Queste conoscenze non sono state nascoste per uno scopo preciso, e nessuno lo ha fatto per puro piacere personale, ma è impossibile conoscere tutto riguardo ogni cosa e probabilmente non sarebbe neanche positivo se ogni cosa fossa rivelata.

 

Coloro che seguono le Tradizioni Misteriche lo fanno in quanto sentono che c'è molto di più nell'esperienza di vita di quanto non sia visibile ai più e credono che la particolare tradizione che seguono sia per loro la più congeniale per accedere a  questi significati nascosti. È essenziale riuscire a comprendere che il modo migliore per ottenere tali conoscenze è esperienziale: nessuno te le può spiegare, devi arrivarci da solo.

 

Ovviamente, potrà sembrare che questi misteri vengano svelati solo ad un gruppo limitato di persone, e senza dubbio ciò potrà sembrare un minimo elitarista, cosa che in effetti è vera in diversi modi: i misteri vengono svelati solo a coloro che hanno una vera e propria sete per quel tipo di conoscenza, esattamente nello stesso modo in cui i misteri della scienza sono svelati solo a coloro che dedicano la propria vita allo studio e alla pratica della scienza stessa. Quindi, si può dire che i misteri rimangono oscuri ai più perché non tutti hanno la volontà necessaria per mettersi alla loro ricerca.

 

Come hanno fatto i fondatori delle varie tradizioni a scoprire le porte di questi specifici misteri e i mezzi necessari per aprirle?

Sarebbe difficile, se non impossibile, definire categoricamente come hanno fatto a scoprire le loro vie, i fondatori di tradizioni misteriche, antiche e moderne. Ciò detto, è possibile cercare di immaginare, basandocisi sulle fonti storiche disponibili, che siano giunti a tali conclusioni attraverso la sperimentazione personale o, probabilmente, poiché erano parte di una precedente tradizione misterica lasciata a favore della creazione di una tradizione personale. Non bisogna dimenticare che molti di coloro che hanno fondato Tradizioni, almeno fra i moderni, erano occultisti e psiconauti che avevano sperimentato a lungo vari sistemi fino a trovare la combinazione di simboli e concetti loro più congeniale: combinazione che posero alla base della loro nuova Tradizione.

 

Ma se tale combinazione è stata scoperta e quindi scritta e codificata, non la rende automaticamente un vero e proprio dogma da seguire alla lettera?

Scrivere e codificare qualcosa non rende quel qualcosa un dogma. Ad esempio, nella Wicca iniziatica, il Libro delle Ombre che viene consegnato ai nuovi membri della congrega non è una sorta di Bibbia o di Corano, considerati dai fedeli delle relative religioni come la parola di Dio. Il libro delle Ombre è essenzialmente una guida, atta a trasmettere i rituali e riti basilari, gli incantesimi usati nella tradizione. Il Libro delle Ombre di una congrega Gardneriana differirà da quello di una congrega Alexandriana, ma non solo, potranno anche esserci differenze sottili fra Libri di due Gardneriani: questo perché, come si è detto, nel Libro delle Ombre troviamo le chiavi per aprire le porte che nascondono i misteri della Wicca, ma tale libro non è la "parola di Dio", da seguire alla lettera onde evitare punizioni dall'alto. Il Libro fornisce le basi, nient'altro: dà all'iniziato parte delle chiavi, ma il resto sarà ottenuto dal lavoro col gruppo.

 

Poiché ormai molti di questi riti e rituali sono disponibili al grande pubblico, non si può ragionevolmente dedurre che chiunque legga e metta in pratica tali riti arrivi all'esperienza dei misteri della tradizione e quindi si possa definire autonomamente iniziato alla tradizione stessa?

Non si diventa iniziati di una Tradizione Misterica solo perché si è in possesso di una copia dei rituali. Ciò che viene riportato per iscritto del rituale stesso è solo una parte molto piccola dell'esperienza. Il resto viene consegnato all'iniziato in modo verbale ed esperienziale. Quindi, qualora una persona provasse a mettere in atto uno dei rituali con un gruppo d'amici (in quanto non sarebbe semplicemente possibile farlo da soli, a meno di non avere un numero elevato di braccia e qualche disturbo della personalità!) ci sarebbero in ogni caso dei simboli e delle parole che non sarebbero comprensibili poiché decodificabili solo tramite l'insegnamento diretto o un preciso percorso esperenziale. La persona in questione potrebbe essere fortunata e riuscire, in ogni caso, a dare "un'occhiata" ai misteri iniziatici, ma senza l'ausilio di tutti gli insegnamenti verbali e diretti, non sarebbe in grado di trovare le giuste porte e capire appieno il modo in cui aprirle.

Per farla breve: l'unica via per sperimentare i misteri relativi ad una data tradizione è divenire membro effettivo di quella tradizione, attraverso l'iniziazione.

 

Ma quindi cosa deve fare un solitario per riuscire ad avvicinarsi ai misteri? Per utilizzare la definizione data all'inizio di questo articolo, cosa bisogna fare per trovare la relazione dell'uomo col divino e il suo posto nell'universo?

Ci sono diversi modi per farlo, ad esempio:

·        Ricercare il folklore e la mitologia del proprio luogo d'origine. Ci sono dei locali, nel luogo in cui vivi?

·        Spegnere il computer e andare "là fuori", nei boschi, vicino al mare, nei campi.. riuscite a sentire una particolare connessione col luogo, con le sue energie e le sue peculiarità?

·        Meditare: focalizzare la mente e viaggiare attraverso i mondi invisibili per cercare un contatto con gli elementali, gli spiriti e l'energia divina, e imparare da loro ciò che vogliono insegnare.

·        Creare un altare, e chiedersi perché si è voluto crearlo in quel modo particolare: è stato fatto per esemplificare la relazione che si sente con un particolare dio o dea, o magari è più un simbolo della propria connessione col ciclo delle stagioni? O magari entrambe le cose?

·        Creare rituali personali.

·        Utilizzare la musica, la danza e la poesia, arti utilissime a indurre stati alterati di coscienza, durante i quali si possono ottenere contatti col divino.

 

Quindi, possiamo riassumere che i misteri non possono essere spiegati o scritti in un libro, in modo che chiunque possa leggerne. Devono essere fatti propri attraverso l'esperienza diretta.

 

Pubblicato originariamente su www.wiccaexplained.350.com/Mysteries_Article.htm a cura di Tamsin Howe

Traduzione di  Azrael (Marco Visconti), editing di Athar (Athar Federica)

Share on Twitter! Digg this story! Del.icio.us Share on Facebook! Technorati Reddit StumbleUpon

COSA E' LA WICCA?

 

La Wicca è una religione misterica centrata sulla Natura la cui derivazione è attribuibile a differenti tradizioni e fonti (Thelema,  Golden Dawn,  Goetia, Clavicula Salomonis, ma anche le religioni native britanniche ed europee). Nasce intorno agli anni 30' e 40' del 1900 e viene portata all'attenzione del pubblico da Gerald Gardner con la pubblicazione nel 1949 del suo romanzo occulto, High Magic's Aid, pubblicato sotto lo pseudonimo di "Scire". Nel 1954, subito dopo l'abrogazione del Witchcraft Act, Gardner pubblicò un altro lavoro: Stregoneria oggi. È così che questa religione viene definitivamente portata e diffusa al grande pubblico.

 

Nella sua forma originale, la Wicca è una religione misterico iniziatica protetta da segreto, praticata in congrega e di natura prettamente sacerdotale (non esiste il concetto di laicità nella Wicca). Con la diffusione della Wicca nella cultura popolare e con il proliferare di pubblicazioni ad essa dedicate, è innegabile che al giorno d'oggi questa religione esista e che esistano molti percorsi di tipo magico-religioso basati su di essa.

 

La Wicca in sé esiste e permane nella sua forma iniziatica originaria, i sentieri ad essa ispirati spesso non richiedono iniziazione ma sono perlopiù pratiche solitarie od eclettiche che richiedono semplicemente un rituale di autodedicazione fatto dal praticante alle divinità scelte.

 

La pratica wiccan è basata sull'opera della congrega. Coloro che cercano di dedicarsi a questo sentiero affrontano un periodo di addestramento basilare che svolge due fondamentali funzioni: innanzitutto serve a determinare se la religione e la congrega con cui si è iniziato a lavorare sono adatte a chi ha intrapreso questo cammino; in secondo luogo serve a determinare se la congrega stessa si trova a suo agio con il neofita.  Una volta che queste cose sono state determinate, l'adepto può chiedere di essere iniziato nel gruppo.

 

La congrega in genere non insisterà mai su questo argomento, ed è il neofita a dover chiedere l'iniziazione. Una volta che l'iniziazione è stata richiesta e che tale richiesta è stata accolta, si inizia di solito un periodo di addestramento più profondo e finalizzato ad un percorso formativo più corposo, necessario anche a permettere all'individuo di cambiare idea se così desidera.  Questo periodo di solito è di un anno e un giorno per tradizione, ma può cambiare a seconda delle necessità e delle capacità dell'individuo: per alcuni ci vorrà più tempo, per altri appena pochi mesi.

 

L'iniziazione in sé è un rinascita e a tutti gli effetti serve ad aprire le porte ai Misteri che si trovano oltre. Sta all'individuo seguire il sentiero attraverso queste porte. L'iniziazione richiede un voto di segretezza che implica che l'iniziato non riveli mai alcuna informazione appresa, se non ad un fratello/sorella nell'Arte.

 

Al nuovo iniziato vengono anche dati i titoli di Sacerdote/Sacerdotessa e di Strega, quindi egli comincia il successivo addestramento come membro a tutti gli effetti della congrega: tale riconoscimento gli permetterà di accedere ad informazioni segrete, anche se ovviamente queste informazioni vengono date in base al grado.

 

Esistono tre gradi iniziatici nella Wicca, come in altre tradizioni, ed è solo dopo l'iniziazione al secondo grado, quando si diventa un Alto Sacerdote/Sacerdotessa, che si è in grado di insegnare, condurre rituali, e, in alcune tradizioni, formare una propria congrega.  A tale livello di addestramento, si viene considerati competenti abbastanza per lavorare col materiale che si è appreso, anche se, come è ovvio, il tutto è un processo di apprendimento costante e l'avanzamento spirituale non si ferma mai.

 

Nella sua forma basilare la Wicca è una religione della fertilità incentrata sulla Natura, che abbraccia i concetti del divino maschile e femminile e dell'equilibrio inerente ad essi ( ad esempio luce, oscurità - maschile, femminile - vita, morte).

 

Le divinità vengono viste nelle forme di una triplice dea (La fanciulla - la madre - l'anziana) e di un duplice dio ( il signore della luce e della vita e il signore della morte e della resurrezione ). Il dio e la dea seguono i cicli delle stagioni dalla nascita alla morte alla rinascita e così via, così come seguono i cicli vitali. I wiccan vedono la vita in senso ciclico e le feste stagionali riflettono ciò.

 

I wiccan celebrano otto riti stagionali all'anno, Sabbat, in relazione al ciclo naturale e divino. Vengono celebrati anche riti lunari (di solito in concomitanza o della luna nuova o della luna piena, ma non solo) chiamati Esbat.  Anche se gli Wiccan possono operare magicamente attraverso incantesimi durante i riti stagionali, questo tipo di lavoro di solito è lasciato agli esbat, a meno che non ci sia una ragione specifica legata alla stagione stessa.

 

All'interno delle congreghe tradizionali i rituali sono di solito condotti dai membri in skyclad (vestiti di cielo, ovvero nudi) e questo avviene per diverse ragioni. Molte persone credono che essere svestiti permetta di sentire sfumature differenti nelle energie. La celebrazione in skyclad è anche un'espressione del "Perfetto Amore e Perfetta Fiducia" tra i membri del gruppo, sia esso "congrega" o meno.

 

Anche se la Wicca ha delle credenze specifiche, delle pratiche specifiche e delle linee guida, non ha alcun dogma né regola, a parte quelle dettate dal senso comune. Sono spesso erroneamente considerate regole o leggi wiccan La Rede e la legge del Triplice Ritorno:  in realtà entrambe sono solo linee guida date per permettere all'individuo di prendere in considerazione le proprie azioni e di rendersi responsabile di ogni ripercussione.

 

C'è un famoso detto nella stregoneria: "una strega che non può maledire non può curare". Questo ancora una volta si riferisce al concetto di equilibrio proprio anche della pratica Wiccan. Non c'è bisogno di far necessariamente qualcosa di spiacevole per poi essere in grado di far qualcosa di buono,  piuttosto deve essere sempre presente la volontà di agire, per il bene o per il male, in modo che l'equilibrio non venga mai meno.

 

La Wicca è una religione della fertilità. Una grande enfasi è posta sull'importanza dei concetti della fertilità e della vita all'interno del mondo naturale e nella relazione tra il dio e la dea, e quindi c'è una importanza data all'intimità tra uomini e donne. Questo non significa che gli wiccan facciano orge o siano promiscui di natura, ma che il sesso è un atto sacro ed è una celebrazione del dio e della dea oltre ad essere un potente atto magico per sua stessa natura.

 

Questa ovviamente è una delle ragioni per le quali le congreghe wiccan non iniziano nessuno sotto i diciotto anni.


Pubblicato originariamente su www.wiccaexplained.350.com/Mysteries_Article.htm a cura di Tamsin Howe.

Traduzione di Azrael (Marco Visconti), editing di Athar (Athar Federica).


Share on Twitter! Digg this story! Del.icio.us Share on Facebook! Technorati Reddit StumbleUpon
size1

Due giorni magici a Nemi, nell' antico Santuario di Diana. Pernottamento in tenda.
Questo il programma:

Sabato 9
10/13 arrivo, sistemazione
13/15 pranzo
15/19 introduzione al lavoro sciamanico
19/21 cena
21/23 cerchio di tamburi e danze

Domenica 10
9/10 sveglia
10/12 visita al museo delle navi
12/13 rituale di ringraziamento della Grande Dea Madre e di contatto con gli Spiriti del luogo
13/15 pranzo
15/18 Elementi di Danza Sacra

Info dagli organizzatori:

In considerazione del fatto che è la prima volta che questo evento si tiene e che desideriamo dare la possibilità al maggior numero di persone di partecipare, abbiamo deciso di contenere la quota di partecipazione a soli 50€.

Ogni partecipante dovrà essere munito di tenda e sacco a pelo per la propria sistemazione notturna; inoltre ciascuno dovrà portare il proprio piatto, il proprio bicchiere/tazza e le proprie posate, per evitare di usare inutili stoviglie di plastica in un' oasi di pace e bellezza.
Sarà opportuno avere un copricapo contro il sole, crema solare e protezione dalle zanzare ed una borraccia.
Per il lavoro che dovremo fare sarà inoltre necessario che ciascuno abbia una bandana per coprirsi gli occhi, il proprio tamburo e/o sonaglio ed una coperta/stuoia su cui sdraiarsi.
Sarà molto gradita la presenza di tutti gli strumenti musicali che vorrete portare.

Per confermare la vostra iscrizione, mandate una email a [email protected] insieme alla ricevuta del versamento di almeno metà della quota sul conto corrente postale 71760615 (ABI 7601-8 CAB 3200-3) intestato a: Associazione Culturale Pagan Pride Italia - Via Giuseppe Bagnera 51 - 00146 Roma
Share on Twitter! Digg this story! Del.icio.us Share on Facebook! Technorati Reddit StumbleUpon

INTRODUZIONE

 

Questa nuova sezione Approfondimenti, che va sostituire quella presente su questo sito sin dalla sua fondazione, ormai quasi dieci anni fa, nasce dalla necessità sempre più pressante di fare corretta informazione. Il proposito è di riuscire a  fornire informazioni precise e puntuali su un argomento, la Wicca, che ormai è stato definito pressoché in ogni modo... ovviamente quasi sempre in maniera errata.

 

Le pubblicazioni a riguardo, in Italia, sono ancora poche e limitate principalmente ai testi di Scott Cunningham, Silver Ravenwolf e di Phyllis Curott, autori cui si deve dare atto di aver contribuito in maniera fondamentale alla diffusione presso il grande pubblico di questa religione e tradizione, ma la cui natura stessa delle opere, volte ad una divulgazione facile, alla portata di tutti e semplicistiche, hanno dato adito a moltissime incomprensioni e imprecisioni sulla natura stessa del tema trattato. Sono proprio tali incomprensioni e imprecisioni ad aver influito negativamente divenendo veri e propri falsi dogmi per coloro che hanno potuto informarsi riguardo l'argomento solo attraverso i libri di quest'autore.

 

Ulteriori dubbi e una notevole cattiva informazione l'hanno portata i romanzi fantasy/harmony firmati Cate Tiernan, ideali per una lettura leggera adolescenziale, ma di certo non per trasmettere corrette informazioni riguardo la religione wiccan.

 

A chiarire in modo univoco e definitivo cos'è la Wicca e cosa no, se è possibile una pratica eclettica e solitaria, qual è il pantheon di divinità adorate dalla Wicca per poi rispondere a moltissimi altri quesiti, è il sito inglese www.wiccaexplained.350.com. Il sito, curato da Tamsin Howe, sacerdotessa Wiccan di 3° grado nella Tradizione Gardneriana, e da Luthanael Adams, anch'egli iniziato Gardneriano attivo nel panorama esoterico inglese da oltre 20 anni e membro del Concilio Londinese della Pagan Federation, offre una panoramica completa e definitiva dell'argomento.

 

Abbiamo pensato di tradurre alcune delle sezioni più importanti e informative del sito, e col tempo cercheremo di completare l'opera e tradurlo in toto per poter sfatare in modo definitivo molti dei miti che riguardano la Wicca e arginare il costante flusso di disinformazione che circola nei vari forum neo-pagani italiani dove spesso l'unica cosa che conta non è informare e informarsi, ma dare libertà assoluta alle proprie necessità egoiche a scapito della stessa realtà delle cose.

 

Azrael (Marco Visconti) Athar (Athar Federica)

Estate 2011

Un ringraziamento particolare ad Athar (Athar Federica) per l'editing e a Shiray (Dario Moriconi) per la traduzione di alcune sezioni.

Share on Twitter! Digg this story! Del.icio.us Share on Facebook! Technorati Reddit StumbleUpon
Pagine: 1 [2]
Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Luglio 05, 2020, 07:09:59 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB