*

Autore Topic: Concezione attuale del divino?  (Letto 1777 volte)

NoviLuna

  • Visitatore
Re: quanto è rimasto nei nostri dei di quelli classici?
« Risposta #15 il: Agosto 05, 2006, 10:56:57 am »
Per sapere che è "neo-egizio" (definizione che ho scelto per un motivo ben preciso) vuol dire che ci ho lavorato direttamente con questo pantheon.
Non per astrazioni, ma a tu per tu.
Posso chiedere se hai esperienza di canalizzazione di divinità, Quarzorosa?
Ho sempre voglia di confronto e spiegazioni, perchè è un valido modo per crescere, conoscere e migliorare. Sono aperta a valutare le tecniche  e le conclusioni di chi ha portato avanti un lavoro parallelo, a patto che non siano meri presupposti o credenze non supportate da efficacia pratica.
Sulle pure opinioni personali non si costruisce nulla.
A presto,
NoviLuna

Quarzorosa

  • Visitatore
Re: quanto è rimasto nei nostri dei di quelli classici?
« Risposta #16 il: Agosto 05, 2006, 12:55:43 pm »
NoviLuna io credo che sia meglio sentirci in priv.Ho esperienze particolari,questo si non frutto di presupposti,ecco perchè il mio pensiero si scosta da molti.Certo non sò fino a che punto tu potresti accettare certe cose e poi dovrei anche valutare se è il caso di approfondire.Non mi sento portatrice di verità assolute,non mi và assolutamente di essere presuntuosa,sono sempre disposta ad apprendere e a considerare prima le esperienze altrui.Solo che nel Forum bisogna essere cauti e rispettare gli altri,per questo forse è meglio privatamente.Ciao

NoviLuna

  • Visitatore
Re: quanto è rimasto nei nostri dei di quelli classici?
« Risposta #17 il: Agosto 06, 2006, 07:27:44 pm »
Ok, capisco la necessità di non mettere in pubblica piazza cose personali. Non occorre che tu mi racconti nulla. Nemmeno io sono scesa nei particolari.
Non desidero convincere nessuno a usare il mio modo. Il mio intento era sapere se ci sono persone che hanno fatto la mia esperienza.
Se ci sono persone che hanno esperienze simili o differenti.
Per vedere se la cosa era più o meno oggettiva, mi si passi il termine. Capire verso quali orizzonti si dirige la Wicca.
Confrontarmi insomma.
Ma non con mere opinioni. Mi sono accorta che ci sono persone, non dico tutte, che non hanno mai fatto esperienze dirette. Non so se mi spiego.

Quarzorosa

  • Visitatore
Re: quanto è rimasto nei nostri dei di quelli classici?
« Risposta #18 il: Agosto 06, 2006, 10:52:12 pm »
Ok come preferisci.Si ti spieghi ciao

Offline ailenn

  • Utenti Normali con presentazione
  • Newbie
  • **
  • Post: 1
  • ...Work in progress...Fase 1: lettura
Re:Concezione attuale del divino?
« Risposta #19 il: Dicembre 18, 2011, 12:01:51 pm »
Con qualche anno di ritardo, vorrei porre una questione che esula un po’ da  “quanto è rimasto nei nostri dei di quelli classici”, ma che invece trovo appropriato per  “concezione attuale del divino”.
Dunque quello che vi chiedo è un parere sulle seguenti affermazioni riguardo l’atto di conversione.

«Riflettendo sulla conversione, nella mia mente sono comparse tali parole: La verità è che tu non hai smesso di credere in me… Hai solamente cambiato il mio nome e la percezione che hai di me. Puoi immaginarmi come uno o diecimila, come donna o come uomo, ma io sono intorno a te; in tutto ciò che vedi e che senti, ma anche in ciò che non percepisci, è racchiusa parte della mia essenza.[…]»

Offline luceblu

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 64
  • ci metto una mano: la destra
    • yogaapaia.it
Re:Concezione attuale del divino?
« Risposta #20 il: Gennaio 07, 2012, 11:42:17 am »
Con qualche anno di ritardo, vorrei porre una questione che esula un po’ da  “quanto è rimasto nei nostri dei di quelli classici”, ma che invece trovo appropriato per  “concezione attuale del divino”.
Dunque quello che vi chiedo è un parere sulle seguenti affermazioni riguardo l’atto di conversione.

«Riflettendo sulla conversione, nella mia mente sono comparse tali parole: La verità è che tu non hai smesso di credere in me… Hai solamente cambiato il mio nome e la percezione che hai di me. Puoi immaginarmi come uno o diecimila, come donna o come uomo, ma io sono intorno a te; in tutto ciò che vedi e che senti, ma anche in ciò che non percepisci, è racchiusa parte della mia essenza.[…]»
Sono agnostico e se vedi la mia presentazione anche un esperto di fisica, ma ho studiato i principali testi e ti propongo di vedere quanto bene si sposano le tue frasi con il salmo 82 della Bibbia che finisce con "voi siete dei" ripreso dal vangelo Giovanni al punto 10.34:Cristo dice ai rabbini:  Non voglio essere ne re dei Giudei  ne figlio di Dio,  perchè Dio è in ognuno di voi"
In ogni religione c'è un fondo di verità, ma va presa come fanno le api: fior da fiore.
Sffffffffffffff
IN OGNI TEMPO, IN OGNI LUOGO, IN OGNI CULTURA SI POSSONO TROVARE I METODI PER STARE BENE

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Ottobre 24, 2020, 04:40:08 am

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB