*

Autore Topic: Dio patrono e Dea patrona  (Letto 489 volte)

Offline Paxa

  • Utenti Normali con presentazione
  • Newbie
  • **
  • Post: 6
Dio patrono e Dea patrona
« il: Agosto 07, 2013, 08:32:52 am »
Allora salve a tutti in questo post parleremo delle divinità a cui siamo legati di più.
Allora quale è il vostro Dio patrono? Come vi sentite quando lavorate insieme a lui?
Perché? ??
2) La vostra Dea patrona? Come vi sentite quando lavorate insieme a lei?
Perché? ?
Grazie per l'attenzione :) benedizioni )0(

Offline andromeda1985

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 40
Re:Dio patrono e Dea patrona
« Risposta #1 il: Marzo 03, 2014, 04:28:31 pm »
Quando era stata aperta questa discussione, stavo "ricucendo" il mio rapporto col divino e ancora non avevo operato particolari scelte e preferenze. Tuttavia trovo che sia un passo molto importante nella conoscenza di se stessi e del proprio percorso, quindi tendevo i sensi per trovare indicazioni... e dopo mesi di studio (mentre leggevo "Inanna - signora dal cuore immenso") mi sono imbattuta in Lilith (non la demonessa che ci hanno tramandato gli ebrei, ma la divinità arcaica dei sumeri) ed è stata una rivelazione (negli stessi giorni stavo leggendo anche "Il risveglio della dea" in cui viene citata parecchie volte).
Il divino a volte percorre davvero vie misteriose... sono la persona meno "dark" che esiste, non solo come indole ma anche nell'espressione e nell'abbigliamento, quindi a tutto avrei pensato tranne che una dea dai risvolti comunque oscuri (la radice sumerica "lil" è comunque tempesta...). E' stato come trovare il punto nero nella parte chiara del Tao.

Tra gli dei, sono sicuramente molto legata a Nettuno/Poseidone: sono del segno dei pesci, studiando il mio oroscopo ho imparato che non devo vedere l'irrazionalità come un nemica, ma trasformarla in forza creativa alleata. E in questo periodo di scoperte nettuno transita proprio nei pesci  ;)

Offline Cordelo di Quart

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1496
  • The best (la bestia...)
Re:Dio patrono e Dea patrona
« Risposta #2 il: Marzo 04, 2014, 04:06:27 am »
Fare i conti con la parte oscura del tutto, di cui siamo parte è, per molti, una delle parti forse più difficili del percorso; probabilmente perché siamo cresciuti in una cultura che rifiuta in toto ciò che non é 'luminoso' (nel dogma di santa madre chiesa...) impedendone la conoscenza.
Ma come lo yin e lo yang, questa parte è inscindibile, non necessariamente 'cattiva', e rifiutarla è come guidare senza guardare ciò che avviene alle nostre spalle.
Prima o poi si finisce per trovarsi piantati sul muso di un TIR.
Ieri è storia, domani un mistero, oggi un dono.
Ecco perchè lo chiamiamo presente.

Offline Ogion

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 36
Re:Dio patrono e Dea patrona
« Risposta #3 il: Agosto 31, 2014, 01:05:27 pm »
Oh Cordelo ripasso per caso e subito mi trovo d'accordo con te :) non c'è il "Male" nell'ombra,  ome non c'è il bene nella luce: se guidi in autostrada e il sole, basso sull'orizzonte, ti abbaglia...

Ogni luce getta un'ombra, leggevo anni fa. E più volte la luce, più buia e profonda l'ombra. E ogni divinità "chiara" ha il proprio "lato oscuro" (sì, anche quel Dio di SMC) ;)

Per udire bisogna tacere

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Settembre 22, 2020, 11:28:37 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB