*

Autore Topic: Wicca di Cronos  (Letto 9418 volte)

Offline ryosho

  • -
  • **
  • Post: 600
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #45 il: Aprile 03, 2009, 11:30:40 pm »
Permettetemi di restare in tema botanico. L'aspirazione massima sarebbe  riuscire ad identificarsi in toto con la pianta, senza necessariamente dimenticarsi che rami, foglie, fiori e radici sono un tutt'uno, importante ed indispensabile.
Se il tronco dimentica le parti grazie alle quali egli stesso esiste è l'albero, in primis a risentirne e, per ultimo, anche il tanto importante e decantato tronco dovra poi fare i conti con la sua stessa presunzione.
Baci


 
« Ultima modifica: Aprile 03, 2009, 11:32:15 pm di ryosho »

Offline elaphe

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1403
  • Redattore di Athame
    • www.athame.it
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #46 il: Aprile 04, 2009, 01:44:11 am »
Mara, io so le ragioni perchè Nonno Alex era considerato come tu dici vent'anni fa. Dai gardneriani tradizionalisti, peraltro. Oggi ti risulta che le cose stiano così?

Proprio per le ragioni che Ryosho esprime così bene la conoscenza di cosa la Wicca era (ed è  tutt'ora! La tradizione Gardneriana è viva e vegeta, mi risulta...) è fondamentale. Se voglio averne l'intera immagine, è chiaro. Se mi interessano solo le cime fiorite allora la questione cambia...
Citazione
ben più un tronco senza frutto deve la possibilità di produrre frutto grazie all'aiuto di un abile innesto
Certo. QUESTO tronco, in particolare, è particolarmente suscettibile alla tecnica dell'innesto, e risponde molto bene. La parola chiave, qui, è "abile": quanto può essere abile un innesto che prescinde dalla natura del fusto su cui sto operando (perchè molto semplicemente non ne sa nulla)?
Mara, è così che nascono le cristowicca varie: da un innesto poco oculato...

Ryo, l'albero in questione (ossia la Wicca) mi sembra vivo e vegeto. Concordo assolutamente sulla necessità di una visione d'insieme, proprio per questo sostengo che questa sia impossibile se non si ha un'idea chiara del percorso fatto dai nostri padri e nonni.
Mi chiarisci perchè pensi che parlare del tronco sia "dimenticare le parti grazie anche alle quali questo esiste oggi"?

Trovo interessante, poi, che si parli di presunzione, dandola per scontata... Secondo te è necessariamente così?

Baci.

E.
The weird sisters, hand in hand,
Posters of the sea and land,
Thus do go about, about:
Thrice to thine and thrice to mine
And thrice again, to make up nine.
Peace! the charm's wound up.

Offline Earwen

  • -
  • **
  • Post: 511
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #47 il: Aprile 04, 2009, 11:54:14 am »
Citazione da: Amber link=topic=14566.msg283434#msg283434
Spero di si, ma se non lo è, fa niente. Lasciamo... cadere la questione :smile:

 ;) chiaro

Offline elaphe

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1403
  • Redattore di Athame
    • www.athame.it
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #48 il: Aprile 04, 2009, 12:05:09 pm »
Mara, mi pare che tu dia per scontato un atteggiamento che a me non sembra sinceramente di esplicitare in alcun modo.

Non mi pare di aver mai detto che la Wicca dianica, la tradizione di Gaia (peraltro una delle più tradizionaliste, sebbene americana e fortemente ecologizzata... Hai mai parlato a Francesca Ciancimino della sua definizione di "Wiccan"? :rolleyes:) la Black Forest, il Tempio di Ara, etc siano "meno valide", mi pare anzi di aver ribadito costantemente il contrario. Rimane il fatto che queste tradizioni HANNO una storia, e che sono "variazioni sul tema" di una tradizione ben precisa che ben pochi sembrano conoscere.

Se poi ti piace leggere presunzione ovunque, liberissima di farlo, ma concorderai che è una tua proiezione e non quanto scritto nero su bianco. Dici che le tue obiezioni sono dottrinali: interessante. Certamente si parla di ingraziarsi gli Dei: è una componente fondamentale di ogni religione. Gli Dei sono dentro di noi, ma NON sono noi...

Comunque, se tu senti più nelle tue corde lo pseudo-ateismo magico per cui il Divino non ha una personalità ma è una fonte energetica neutra (o al limite polarizzata) senza una propria mente, beh, non devi far altro che rivolgerti ad altre tradizioni.
Fermo resta che se così decidi di fare e tuttavia non hai una visione chiara di come queste sono nate, QUESTO sì che "è sbagliato"...

Tu dici che la Wicca Alexandriana "ha la stessa importanza" delle varie Fairy Wicca in giro per il mondo? Liberissima. E' totalmente anti-storico, ma pensala pure come vuoi. Basta che poi non dai del presuntuoso agli altri, però...

Ah, Nonno Alex non è mai stato un discepolo di Gardner, tanto che come tu sai per un po' le due correnti non si sono viste di buon occhio, salvo poi riconciliarsi quando è apparso molto chiaramente che le pratiche sono le pressochè le stesse... Tuttavia il suo contributo (suo e dei "suoi", ovviamente...) è fondamentale in moltissimi aspetti della Wicca moderna, anche la più annacquata. Penso semplicemente alla Consacrazione di Vino e Dolci con la Sacerdotessa a brandire l'Athame... Converrai che l'alternanza polare di Maschile e Femminile fra i diversi piani d'esistenza è un elemento fondamentale.
Giusto per fare un altro esempio...

Poi, ti faccio notare, nessuno qui ha mai detto che i rami siano meglio dei rametti, sono assunzioni tue (e di Ryosho). Solo che mi pare che (di nuovo) qui si parli di rami potati.

Baci.

E.
The weird sisters, hand in hand,
Posters of the sea and land,
Thus do go about, about:
Thrice to thine and thrice to mine
And thrice again, to make up nine.
Peace! the charm's wound up.

Offline elaphe

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1403
  • Redattore di Athame
    • www.athame.it
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #49 il: Aprile 04, 2009, 01:18:17 pm »
Scusami Mara ma di nuovo posso solo dire: mi spiace che tu sia così proiettiva, personalmente non mi pare di star travisando nulla.

E sto ancora attendendo da Vento Notturno la risposta alla mia domanda: se le informazioni presenti sul libro di Cronos sono tanto banali e risapute, mi sapresti citare un altro testo edito in Italia che le riporti?

Baci.

E.
The weird sisters, hand in hand,
Posters of the sea and land,
Thus do go about, about:
Thrice to thine and thrice to mine
And thrice again, to make up nine.
Peace! the charm's wound up.

Tempesta

  • Visitatore
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #50 il: Aprile 04, 2009, 01:43:57 pm »
Posso chiedere a tutti di fare un passo indietro? Ovvero mi piacerebbe che si tornasse a discutere dei punti di forza e dei punti deboli del libro, eventuale target di godibilità ecc...
Vorreioltresì ricordare che il mezzo informatico alle volte crea inutili fraintendimenti, quindi un bel respirone prime di rispondere di pancia...

Elaphe è vero in Italia di testi 'classici' non c'è nemmeno l'ombra... quindi suppongo che il colmare una lacuna del mondo editoriale italiano vada preso come punto di forza del testo...
Ma per chi invece non si basa solo sulle traduzioni, puo' avere ugualmente lo stesso peso o no?


Offline elaphe

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1403
  • Redattore di Athame
    • www.athame.it
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #51 il: Aprile 04, 2009, 02:03:24 pm »
Temp, se si ha letto "A Witches' Bible" dei Farrar, "The Triumph of the Moon" di Hutton e "Wicca" di Vivianne Crowley, in effetti il libro di Cronos rappresenta nulla più di un'interpretazione ed una possibilità di integrazione fra la Tradizione Alexandriana ed alcune italiche peculiarità. Non priva di una certa arte, vorrei comunque aggiungere...

Visto che questo non è il caso, per la stragrande maggioranza dei praticanti italiani, ribadisco che ora come ora è un testo unico.

Baci.

E.
« Ultima modifica: Aprile 04, 2009, 02:06:23 pm di elaphe »
The weird sisters, hand in hand,
Posters of the sea and land,
Thus do go about, about:
Thrice to thine and thrice to mine
And thrice again, to make up nine.
Peace! the charm's wound up.

)O(HELIOS)O(

  • Visitatore
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #52 il: Aprile 04, 2009, 04:39:15 pm »
Onestamente lo trovo alquanto "leggero"... è troppo poco anche per un neofita. Sorvola molte cose importanti ed è mooolto riassuntivo. Naturalmente è un parere personale, c'è da dire che l'ho letto circa un anno fà... ma non mi ha lasciato niente.

Helios.

Vento Notturno

  • Visitatore
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #53 il: Aprile 06, 2009, 12:10:26 pm »
Scusa Elaphe per il ritardo... purtroppo ho il brutto vizio di non lavorare nel week end e in genere lo dedico alla famiglia (a parte World of Warcraft che va beh... è una legge più forte del Rede).
Il problema che mi chiedi è proprio quello che ripeto... il libro di Cronos ha le stesse info contenute in altri libri... e dal mio punto di vista, essendo privo di una qualsiasi alternativa, non ha le carte in regola per essere reputato un buon libro se non fine a se stesso. So che il termine non calza, perché non è stato edito a quello scopo... ma è come la Telecom. Prima di Infostrada e Wind... se volevi telefonare in Italia quella era l'unica compagnia. E' pressoché la stessa cosa. Non posso sentir dire che è una "sintesi della Wicca italiana" come se fosse il miglior libro mai scritto quando non ce ne sono stati altri da paragonare, capisci? Se ci fossero state altre possibili proposte, che trattavano anche altri aspetti, magari cercando di dare un'impronta in più, allora si poteva dire che tra le cinque o sei proposte la sua era la migliore. Ma essere l'unico pubblicato non lo vedo come un punto di forza, anzi, come un punto debole, perché non avendo termini di paragone non può essere criticato in concomitanza con altri testi pari in edizione e autore per dire che è buono. Lo si può dire fine a se stesso, e qui ovviamente ognuno ha il suo parere. Ma l'essere un testo unico non lo rende il De Occulta Philosophia, lo rende un testo sulla wicca che può essere ritenuto buono o meno, fine a se stesso, essendo purtroppo l'unico che è stato pubblicato in Italia.
Poi trovo giusto e normale che tu lo difenda, avendo anche collaborato nella sua stesura.

Offline elaphe

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1403
  • Redattore di Athame
    • www.athame.it
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #54 il: Aprile 06, 2009, 01:55:10 pm »
VN, avevo capito quanto scrivi, ti chiedevo appunto qualche specifica in più (pare che io mi sia perso qualcosa della produzione editoriale italiana...): quando scrivi
Citazione
il libro di Cronos ha le stesse info contenute in altri libri...
mi piacerebbe che specificassi quali sono le info e soprattutto quali sono i libri. Anche perchè poi specifichi che si tratta di un testo "unico"...

Ah, fra parentesi: forse ci sarà qualcosa di mio (perchè gli anni di concelebrazione e di amicizia magari qualche segno lo lasciano) ma è alquanto esagerato dire che ho collaborato alla stesura...  ;)

Baci.

E.
The weird sisters, hand in hand,
Posters of the sea and land,
Thus do go about, about:
Thrice to thine and thrice to mine
And thrice again, to make up nine.
Peace! the charm's wound up.

Offline Amber

  • -
  • **
  • Post: 1915
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #55 il: Aprile 07, 2009, 03:48:05 pm »
Non posso sentir dire che è una "sintesi della Wicca italiana" come se fosse il miglior libro mai scritto quando non ce ne sono stati altri da paragonare, capisci?

Scusa, giusto per puntualizzare, perché credo che questa citazione venga da me: io non ho mai detto "è una sintesi della Wicca italiana", né lo intendevo, ho detto che è un libro di sintesi sulla Wicca, nel senso che tratta delle sue origini, della sua storia, filosofia, della liturgia (nello secifico quella praticata dall'autore), ed è unico nel suo genere in Italia.
...whichever way you decide, be sure of one thing. You have a right to be a pagan if you want to be.
Doreen Valiente

Offline Amber

  • -
  • **
  • Post: 1915
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #56 il: Aprile 08, 2009, 09:09:47 am »
Allora si tratta di un libro di sintesi sulla Wica, quindi essenzialmente ha uno scopo manualistico, direi...
Non solo, contiene e costituisce anche una testimonianza personale.

Citazione
Sul fatto che sia unico nel suo genere in Italia, come si è già tentato di dire a più riprese è una questione che va chiarita. In effetti è l'unico libro scritto da un italiano in italiano di questo genere

eh è proprio questo che stiamo dicendo da pagine e pagine, marachella

Citazione
e come ha già tentato di spiegare Vento questo può essere un punto di forza, ma anche di debolezza.

questo non toglie nulla al suo valore per quanto detto prima.

Citazione
Comunque ci sono tanti manuali pubblicati in italiano e sono convinta che tutti sono unici nel loro genere, akmeno facendo riferimento alla corrente che rappresentano.
E torninamo sempre allo stesso discorso, non ce ne sono scritti da italiani.
...whichever way you decide, be sure of one thing. You have a right to be a pagan if you want to be.
Doreen Valiente

Offline Earwen

  • -
  • **
  • Post: 511
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #57 il: Aprile 08, 2009, 10:12:39 am »
Mi consolo del fatto di non essere la sola...
anche se lo fossi..è comunque una tua opione rispettabilissima e  se lo trovi così è perchè in base alle tue conoscenze o in base a quanto "hai dentro" non ti stimola più di tanto.

Offline Amber

  • -
  • **
  • Post: 1915
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #58 il: Aprile 08, 2009, 12:00:01 pm »
Amber, francamente, ho letto il libro appena è uscito: ora non ricordo parola per parola, ma ricordo uno stile narrativo abbastanza impersonale. Non mi pare che si facesse grande riferimento all'esperienza personale.
e invece si, poi conoscendo l'autore, è chiaro che è il frutto della sua esperienza personale.

Citazione
Due: va bene, è l'unico libro scritto da un italiano e in italiano, ma questo deve farne per forza un capolavoro?

e chi ha mai detto "è un capolavoro"? ma voi continuate a dire "eh ce ne sono altri..." e poi "eh purtroppo è l'unico e non si possono fare paragoni"...

Citazione
Apprezzo lo sforzo, apprezzo la buona volontà, ma se lo trovo debole, purtroppo non ci posso fare niente. Mi consolo del fatto di non essere la sola...

lo stesso vale per me, al contrario.
...whichever way you decide, be sure of one thing. You have a right to be a pagan if you want to be.
Doreen Valiente

Emrys

  • Visitatore
Re: Wicca di Cronos
« Risposta #59 il: Maggio 28, 2009, 09:06:46 pm »
Ahia! Arrivo più in ritardo del ritardo! L'ho (appena) comprato ed ho iniziato a leggerlo in treno - quindi mi sono fermato a pag. 57 ma più di tanto in 45 minuti di viaggio... ben scritto, mi sembra, alcune info di base, altre cose proprio le ignoravo... soprattutto sulla scena wicca in Italia (forum escluso...).

Soprattutto mi ha fatto venir voglia di partecipare ad un moot, cosa che, alla fine, non sono mai "riuscito" a fare...

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Luglio 27, 2021, 08:42:06 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB