*

Autore Topic: Stregheria  (Letto 4240 volte)

Offline Cordelo di Quart

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1496
  • The best (la bestia...)
Re: Stregheria
« Risposta #30 il: Maggio 05, 2011, 03:22:40 pm »
Quasi tutti i testi sono reperibili nei bookshop in rete, alcuni di questi (es. IBS e Libr.Univers., Hoepli) te li procurano, magari con qualche attesa. Alla peggio puoi sempre ordinarli alla libreria sotto casa se proprio non hai la fortuna di conoscerne qualcuna esoterica.
'Andar per libri', leggi girovagare nelle librerie a tastoni, apparentemente senza meta, lasciandosi guidare dall'istinto, è sempre stato uno dei miei sport preferiti, fino a qualche anno fa il sabato pomeriggio era consacrato a questo divertimento.
I buoni studi antropologici sono molto spesso limitati spazialmente e di autori sconosciuti al grosso pubblico, questo non ne sminuisce il valore, anzi...
Ieri è storia, domani un mistero, oggi un dono.
Ecco perchè lo chiamiamo presente.

Offline Shiray

  • -
  • **
  • Post: 812
  • Noi viviamo per rendere possibile l'impossibile...
Re: Stregheria
« Risposta #31 il: Maggio 05, 2011, 06:05:23 pm »
'Andar per libri', leggi girovagare nelle librerie a tastoni, apparentemente senza meta, lasciandosi guidare dall'istinto, è sempre stato uno dei miei sport preferiti
E' anche il mio sport preferito! ;)
<<Vedere non è Credere... Credere è Vedere!>><<Io credo nella filosofia!>> [Ipazia]

Offline Bliss

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 90
Re: Stregheria
« Risposta #32 il: Maggio 05, 2011, 09:04:06 pm »
 :laugh: Era anche il mio prima di avere due pargoli che richiedono attenzione!
Cercherò, grazie Cordelo!!!

Offline morganafaerie

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 390
    • Facebook
Re: Stregheria
« Risposta #33 il: Maggio 09, 2011, 02:02:59 pm »
MMM non lo so Green, a me sembra che su tradizione e religione tu abbia delle idee un pò confuse, non ho ancora capito se consideri sta stregheria come una tradizione o no... E se tu mi dici che adesso si sta cominciando a pensare che lo possa essere, beh allora mi confermi che comunque non lo è...
Quando ci saranno, come ho gia scritto, delle pratiche univoche, delle regole codificate, dei principi... Ecco magari potrebbe anche diventarlo.
La Wicca per me è una religione, e una Tradizione, o meglio ormai quasi un insieme di tradizioni o correnti, quando parlo di Tradizione intendo quella Gardneriana.
Non penso che una tradizione debba per forza essere millenaria per essere considerata tale, e sono assolutamente d'accordo nel dire che la Wicca è nata da e con Gardner.  Non è certo nata nella preistoria con il culto della Grande Dea, queste sono stupidaggini che vanno bene per le wikkine scalmanate (di qualsiasi età anagrafica)
Per il resto non tolgo importanza assolutamente a quello che fai, o a chi sei tu... Il fatto di essere Wiccan non significa affatto essere Streghe migliori delle altre, ne viceversa. O ne significa essere migliori o più bravi se si appartiene ad una tradizione. Sono semplicemente scelte.
Anche se purtroppo su questo viceversa spesso ho notato una certa vena polemica... Vedi, a me non interessa sapere i tuoi "segreti", ne io ti svelerei mai i miei (e se pensi che TUTTA la Wicca sia quella scritta sui libri e pubblicata beh... sei lontanuccia dalla verità), semplicemente hai citato un libro ed hai detto che tua nonna utilizzava degli incanti identici... Bene, ti ho chiesto a quale parte del libro ti riferivi, mi pare una richiesta molto legittima visto che ne hai parlato tu, e che non sono stata io a tirare fuori questa cosa...
Ah aggiungo... Spesso chi viceversa pensa o ha pensato che le streghe tradizionali, della stregheria e di chissa che cavolo altro siano più brave, in gamba e preparate delle Wiccan lo pensa solo perchè crede che la Wicca sia una stronzata da forum...
E chi ha orecchie per intendere... intenda

 :biggrin2:
"O sweet illusions of song that tempt me everywhere,
In the lonely fields, and the throng of the crowded thoroughfare!

I approach and ye vanish away, I grasp you, and ye are gone;
But ever by night and by day, the melody soundeth on.

As the weary traveller sees, in desert or prairie vast,
Blue lakes, overhung with trees that a pleasant shadow cast;

Fair towns with turrets high, and shining roofs of gold,
That vanish as he draws nigh, like mists together rolled

So I wander and wander along, and forever before me gleams
The shining city of song, in the beautiful land of dreams.

But when I would enter the gate of that golden atmosphere,
It is gone, and I wonder and wait for the vision to reappear"

(Henry Wadsworth Longfellow)

Offline Bliss

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 90
Re: Stregheria
« Risposta #34 il: Maggio 10, 2011, 10:20:26 am »
Proprio stamattina riflettevo su questo, il fatto che all'inizio per me "stregheria" era solo una parola per dire stregoneria italiana, ma alla fine discutendo con Cordelo ho capito che stavo sbagliando perchè chi definisce la Stregheria, intende proprio una tradizione univoca e codificata.
E ho dato anche ragione a te dicendo che NON è una tradizione codificata.
Il fatto è che comunque sia, oggi in un libro come Il sabba Italiano, ci sono delle pratiche univoche, delle regole codificate, dei principi che vengono chiamate "Stregheria".
Non sto ora a ripetere tutti i post precedenti su cui sono d'accordo, della NON STORICITA' ecc...
Ora , forse e dico forse, un giorno queste pratiche potranno diventare la tradizione della Stregheria, come a suo tempo dopo la pubblicazione di Gardner, iniziò la tradizione della Wicca.
Tu mi hai chiesto dove avevo trovato  le cose che faceva mia nonna e io ho riportato titolo, autore e casa editrice, solo sisnceramente non ho voglia di ricopiare parti del libro, perdonami, sono pigra. :-)
Poi il discorso della bravura lo lascio a chi segue questo cammino in modo superficiale o solo sui fora, non capisco la necessità di fare a gara tra wiccan e streghe tradizionali, non ho 14 anni e non sto facendo i giochi della gioventù.
Il mio percorso personale è personale, e deve essere utile a me e solo a me, per cui non c'è spazio ai confronti da adolescenti entusiasti, e il mio percorso non coincide necessariamente con una tradizione codificata o con una religione piuttosto che con un'altra, pur avendo io molto rispetto per tutti (tutti quelli che prendono seriamente un percorsoo spirituale).
Tanto più che io sono solo all'inizio e che sono consapevole che non si arriva mai.
Insomma, duro lavoro, poche balle. :-)
PS, mi ha fatto piacere rivederti a Masserano!

Offline Bliss

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 90
Re: Stregheria
« Risposta #35 il: Maggio 10, 2011, 11:10:16 am »
Mi hai fatto venire il dubbio su tradizione e religione, credo di non avere le idee confuse, ma non si sa mai, quindi ho cercato sul dizionario.
Tradizione:
1 sf la trasmissione, di generazione in generazione, di qualsiasi elemento della vita e della cultura di un popolo (leggi, notizie, costumi, ecc.), specialmente attraverso l'insegnamento orale anziché mediante documenti scritti.
2 sf ciascuna delle notizie o usanze cosa trasmesse.
3 sf {teologia} l'insieme delle verità di fede rivelate, trasmesse non mediante la Bibbia, ma oralmente.
Religione:
1 sf il complesso di credenze e di atti di culto che collega la vita dell'uomo a un ordine superiore e soprattutto alla divinità, intesa come fine ultimo di tutte le cose.
2 sf [in senso figurato] sentimento di riverenza.
3 sf ordine monastico, congregazione religiosa.
Quindi, se ho capito bene, la stregoneria italiana è un'insieme di tradizioni, mentre la stregheria è una religione (ovviamente stiamo parlando della stregheria come è nota oggi e non di una sua presunta storicità) anche se la frase "divinità come fine ultimo di tutte le cose" sarebbe da siscutere... ma vabbè, questo è un altro discorso.
Solo per precisare, mia nonna non faceva dei rituali come li intendiamo noi, le sue erano "superstizioni", invocazioni, "preghiere" o atti ripetuti, per questo ho detto forse rituali, ma non intendevo certo un rituale pagano come viene inteso oggi, tanto più che come ho già detto lei era cattolica.

« Ultima modifica: Maggio 10, 2011, 11:12:38 am di green »

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Re:Stregheria
« Risposta #36 il: Agosto 03, 2011, 01:38:55 pm »
Riesumo questo thread per segnalare un buon forum sull'argomento: De Nuce Maga - Stregoneria Italiana

Molti dei thread sono informativi e ben discussi, e gli esperti del forum sembrano essere persone valide e con un bagaglio di esperienze nell'ambito della stregoneria italiana di tutto rispetto.

Una cosa che ho notato però, è che nel loro dire/non dire ed essere volutamente misteriosi, o maieutici forse, danno adito a pensare che un substrato comune ci sia eccome.

Pensiero peraltro non nuovo e discusso ampiamente nei paesi anglosassoni, dove è ormai teoria piuttosto accettata - anche se, per forza di cose, a-storica - far risalire il "Crooked Path" ai discendenti del "Ribelle", visto come Lucifero o Caino, da cui il termine Luciferian Witchcraft.

"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

Offline -kay-

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 167
Re:Stregheria
« Risposta #37 il: Settembre 29, 2011, 12:42:18 am »
Citazione
Ora , forse e dico forse, un giorno queste pratiche potranno diventare la tradizione della Stregheria, come a suo tempo dopo la pubblicazione di Gardner, iniziò la tradizione della Wicca.

questa è una ipotesi molto affascinante, purtroppo però in Italia finora nessuno è riuscito a fare ciò che ha combinato Gardner in Inghilterra, ormai una sessantina di anni fa, assemblando le pratiche magico-popolari tipiche delle zone rurali (cunning men/wise women), con una tradizione magica già esistente (Golden Dawn ed altro) ispirandosi a miti più o meno fondati (dall'ipotesi di Margareth Murray, ad Aradia) per dare vita ad una vera e propria nuova religione.

finora i libri pubblicati dagli autori italiani con la pretesa di essere i depositari di una fantomatica "tradizione religioso-stregonesca italiana"  sono stati in realtà delle scopiazzature più o meno riuscite del lavoro di Gardner o di altri autori stranieri, con ben pochi apporti  originali...

piuttosto un'altra cosa interessante sarebbe davvero che qualcuno si mettesse a raccogliere ed a salvare il più possibile di tutto il materiale riguardante le varie pratiche di guarigione o magico-stregonesche italiane (scongiuri, pratiche contro il malocchio, invocazioni ai santi, legamenti, leggende, ecc...) che erano così diffuse fino a pochi decenni fa in tutta Italia e che ormai rischiano di andare perdute per sempre...

uff... continuo a sentire gente che racconta la storiella della vecchia nonna, strega contadina... ma poi ben pochi che tirano fuori qualcosa di originale, tipo un bel librone di ricette della nonna su come agire e fare in tutte le varie situazioni, quali santi invocare ed in quali circostanze, quali salmi recitare... ecc... ecc....

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Re:Stregheria
« Risposta #38 il: Settembre 29, 2011, 09:14:10 am »
uff... continuo a sentire gente che racconta la storiella della vecchia nonna, strega contadina... ma poi ben pochi che tirano fuori qualcosa di originale, tipo un bel librone di ricette della nonna su come agire e fare in tutte le varie situazioni, quali santi invocare ed in quali circostanze, quali salmi recitare... ecc... ecc....


Questo è anche quello che ripetono stile mantra sul forum che ho citato prima, De Nuce Maga... tanta preparazione antropologica, lo ripeto, ma appena si prova a chiedere qualcosa di più, si trincerano dietro al solito "di queste cose non si parla, se le sai le sai".

Ma allora cavolo fai il forum in prima istanza? :)
"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

Offline -kay-

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 167
Re:Stregheria
« Risposta #39 il: Settembre 29, 2011, 09:33:11 am »
grazie alla tua indicazione, ho chiesto di iscrivermi a quel forum, ma finora (sono passati alcuni giorni) non mi hanno ancora preso   ::) ...

a proposito di questo, adesso faccio un giro con la funzione "cerca" per vedere se qui avete già parlato del libro "Adiantum, la strega contadina"... se no, dopo, quando ho un po' più di tempo, magari ci scrivo io qualcosa...

Offline morganafaerie

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 390
    • Facebook
Re:Stregheria
« Risposta #40 il: Ottobre 01, 2011, 12:40:55 pm »
uff... continuo a sentire gente che racconta la storiella della vecchia nonna, strega contadina... ma poi ben pochi che tirano fuori qualcosa di originale, tipo un bel librone di ricette della nonna su come agire e fare in tutte le varie situazioni, quali santi invocare ed in quali circostanze, quali salmi recitare... ecc... ecc....


Questo è anche quello che ripetono stile mantra sul forum che ho citato prima, De Nuce Maga... tanta preparazione antropologica, lo ripeto, ma appena si prova a chiedere qualcosa di più, si trincerano dietro al solito "di queste cose non si parla, se le sai le sai".

Ma allora cavolo fai il forum in prima istanza? :)

Semplice... Non ne parlano perchè non ne sanno un caxxo, sono tutte invenzioni loro... Come al solito sono persone che, volendo darsi un tono, provano a scopiazzare di qua e di la dalla Wicca piu tradizionale, compreso quello che non è pubblicato nemmeno in inglese (e che mi chiedo da chi abbiano avuto, ma non certo dalla nonna, a meno che non fosse una iniziata garderiana o alexandriana)
A questo punto, più onestamente, prendi una iniziazione Wiccan e lavora con divinità italiane, lo trovo più semplice.
Le uniche cose rimaste di autentiche sulla stregoneria popolare italiana sono quelle che cita anche Kay: salmi, preghiere, santi, acqua benedetta ed affini.
Certo, le connessioni pagane ci sono anche qui, ma non sono immediate, perchè di Diana o Lucifero non si parla, non le conosceva ne usava nessuno, a parte la Maddalena di Leland che pare non esistere nemmeno...
Capisco che si vorrebbe che esistesse anche qui una stregoneria smaccatamente pagana sopravvissuta nei secoli, come magari in inghilterra o germania o altre zone d'europa e del mondo, ma ahime non è cosi.

BB

MorganaFaerie
"O sweet illusions of song that tempt me everywhere,
In the lonely fields, and the throng of the crowded thoroughfare!

I approach and ye vanish away, I grasp you, and ye are gone;
But ever by night and by day, the melody soundeth on.

As the weary traveller sees, in desert or prairie vast,
Blue lakes, overhung with trees that a pleasant shadow cast;

Fair towns with turrets high, and shining roofs of gold,
That vanish as he draws nigh, like mists together rolled

So I wander and wander along, and forever before me gleams
The shining city of song, in the beautiful land of dreams.

But when I would enter the gate of that golden atmosphere,
It is gone, and I wonder and wait for the vision to reappear"

(Henry Wadsworth Longfellow)

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Re:Stregheria
« Risposta #41 il: Ottobre 01, 2011, 06:50:28 pm »
Silvia, in realtà su quel forum sputano sopra anche sulla "stregheria"... quella di Dragon Rouge/Ardat Lili/Shaenan/Grimassi tanto per capirci, e parlano proprio della stregoneria tradizionale italiana fatta di salmi, scongiuri e di un sincretismo pressochè totale col cristianesimo.
Citano a memoria Ginzburg, tanto per intenderci.
E fanno "intendere" che sì, forse un culto sotterraneo esiste, derivante dai vecchi culti di Diana (il "Gioco") sincretizzato appunto col cristianesimo... però non dicono altro, e si trincerano dietro il segreto iniziatico, mentre in ogni caso spalano merda su pressochè tutto il resto: anche se dopotutto, in primis ce l'hanno con le wiccominkia... e come dar loro torto.


Citazione
Capisco che si vorrebbe che esistesse anche qui una stregoneria smaccatamente pagana sopravvissuta nei secoli, come magari in inghilterra o germania o altre zone d'europa e del mondo, ma ahime non è cosi.

Di nuovo, non è il caso della gente di De Nuce Maga: loro sono quasi orgogliosi di essere anche cristiani (non cattolici, su questo punto sono molto chiari).
"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

Offline morganafaerie

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 390
    • Facebook
Re:Stregheria
« Risposta #42 il: Ottobre 02, 2011, 01:00:37 am »
Citazione
Silvia, in realtà su quel forum sputano sopra anche sulla "stregheria"... quella di Dragon Rouge/Ardat Lili/Shaenan/Grimassi tanto per capirci, e parlano proprio della stregoneria tradizionale italiana fatta di salmi, scongiuri e di un sincretismo pressochè totale col cristianesimo.
Citano a memoria Ginzburg, tanto per intenderci.
E fanno "intendere" che sì, forse un culto sotterraneo esiste, derivante dai vecchi culti di Diana (il "Gioco") sincretizzato appunto col cristianesimo... però non dicono altro, e si trincerano dietro il segreto iniziatico, mentre in ogni caso spalano merda su pressochè tutto il resto: anche se dopotutto, in primis ce l'hanno con le wiccominkia... e come dar loro torto.
 
In effetti avevo capito si rifacessero più alla stregheria, ho provato a chiedere l'iscrizione al forum ma pare siano molto lenti... Magari non mi vogliono  :P
I concetti potrebbero anche essere interessanti, tuttavia esistono anche dei libri che ne parlano, quindi potrebbero anche averli letti da li, non conoscevo Ginzburg ma nel libro "Lo Stivale magico" (ed il crogiuolo) si parla di cose analoghe, santi, salmi e affini, tutto molto sincretizzato con cristianesimo comunque, che secondo me sono le uniche pratiche basate su una certa tradizione su cui si trova qualcosa qui in italia. Tutto il resto mi pare la solita teoria (il culto sotterraneo di Diana e del gioco sopravvissuto dall'epoca romana come tradizione) presente in Leland, affine alla stregheria... E di cui casualmente nessuno dice nulla chiaramente, sarà perchè non esiste?
In ogni caso attenderò di poter (forse) accedere al forum prima o poi, che si spari merda sui bimbowiccominchia non mi dispiace, il problema è che spesso sparano merda pure su chi segue la Wicca in maniera iniziatica e tradizionale, senza ovviamente conoscere ciò di cui stanno parlando, dandosi delle legittimazioni che, in definitiva, spesso non hanno nemmeno. Con questo ovviamente non voglio dire che non siano streghe, magari pure ottime streghe, ma vantare ligniaggi di dubbia provenienza e che non si possiedono lo trovo personalmente inutile oltre che ridicolo  :)
Il fatto di essere orgogliosi di essere cristiani poi, davvero non lo capisco: ad una vera strega della religione in se importa davvero pochino, ancora di più se si dichiara lontana da forme tutto sommato legate alla religione in senso etico come Wicca e persino alcune frangie del Voudou. E del resto, un vero cristiano (anche se il termine giusto sarebbe cattolico, in questi casi, visto che usano anche l'acquasanta) non pratica magia, ne evoca i santi per avere soldi, o un fidanzato, chi fa queste cose sono le streghe, e normalmente vengono scomunicate... Usare la magia "cattolico-cristiana" ed essere buoni cattolico/cristiani sono due cose che stanno decisamente agli antipodi  :)

BB

MorganaFaerie
"O sweet illusions of song that tempt me everywhere,
In the lonely fields, and the throng of the crowded thoroughfare!

I approach and ye vanish away, I grasp you, and ye are gone;
But ever by night and by day, the melody soundeth on.

As the weary traveller sees, in desert or prairie vast,
Blue lakes, overhung with trees that a pleasant shadow cast;

Fair towns with turrets high, and shining roofs of gold,
That vanish as he draws nigh, like mists together rolled

So I wander and wander along, and forever before me gleams
The shining city of song, in the beautiful land of dreams.

But when I would enter the gate of that golden atmosphere,
It is gone, and I wonder and wait for the vision to reappear"

(Henry Wadsworth Longfellow)

Offline -kay-

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 167
Re:Stregheria
« Risposta #43 il: Ottobre 02, 2011, 11:37:48 am »

Il fatto di essere orgogliosi di essere cristiani poi, davvero non lo capisco: ad una vera strega della religione in se importa davvero pochino, ancora di più se si dichiara lontana da forme tutto sommato legate alla religione in senso etico come Wicca e persino alcune frangie del Voudou. E del resto, un vero cristiano (anche se il termine giusto sarebbe cattolico, in questi casi, visto che usano anche l'acquasanta) non pratica magia, ne evoca i santi per avere soldi, o un fidanzato, chi fa queste cose sono le streghe, e normalmente vengono scomunicate... Usare la magia "cattolico-cristiana" ed essere buoni cattolico/cristiani sono due cose che stanno decisamente agli antipodi  :)

BB

MorganaFaerie

beh, in realtà si può essere cristiani senza essere propriamente cattolici e seguire strettamente i dettami della Chiesa: basta essere "eretici"...e da questo punto di vista penso che ce ne siano tanti..

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Re:Stregheria
« Risposta #44 il: Ottobre 02, 2011, 02:39:03 pm »
Esattamente.

Silvia, capisco che i seguaci della "stregheria a tavolino" ti stiano sul cavolo tanto quanto i wiccominkia, e per me è lo stesso... se non altro, perchè millantano tradizioni millenarie inesistenti.

Ma, di nuovo, non si può negare che esista un retroterra magico-mistico di cristianesimo "eretico", come lo ha giustamente definito _kay_, che ha raccolto l'eredità pagana dei romani e dei molti popoli italici (e greci, e celtici...) presenti sul nostro territorio e che è arrivato fino a noi attraverso le "insegnanze" popolari e contadine.

Di nuovo, l'unica cosa che sarebbe interessante definire una volta per tutte è se queste insegnanze sono mai state codificate in un corpus unico, così come i molti riferimenti al "Gioco" darebbero a credere.

Questo è uno di quei casi in cui essere anti-cristiani solo per il gusto di esserlo risulta poco intelligente: l'Italia non è la Gran Bretagna, ne' la Scandinavia, ne' tantomeno la Germania...
"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Giugno 20, 2021, 11:49:46 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB