*

Autore Topic: Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese  (Letto 2479 volte)

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« il: Giugno 28, 2011, 10:31:17 pm »
A seguito dell'ennesimo thread bloccato a causa dell'ennesima ragazzina piccata del fatto che no, se non sei iniziato non sei Wiccan, sono andato una volta per tutte alle ricerca di informazioni dirette.

E ho trovato questa perla: http://www.wiccaexplained.350.com

Curato da Tamsin Howe e Luthaneal Adams, entrambi nomi piuttosto noti nel milieu esoterico inglese/londinese (Adams è anche membro di spicco della Pagan Federation, di cui abbiamo membri anche qui nel forum se non sbaglio...), il sito mette a chiare lettere una volta per tutte cos'è la Wicca e cosa non è.

Vi offro un paio di passi.

Il primo, tratto dal "capitolo" What Is Wicca:

Citazione
...Wicca in it's original form is an initiatory, Mystery religion, which is oathbound, practiced in a coven and is a priesthood. With the rise in popularity of Wicca through popular culture and the increase in publications on the subject, it is now fair to say that there is Wicca and a number of paths based on Wicca. Wicca itself remains the initiatory form and the latter comprises those paths inspired by the first form, which are not necessarily initiatory but are often solitary or eclectic and often involves a self-dedication ritual by the practitioner to their chosen deities.

Wicca is a coven based practice...



Questo, tratto dalla sezione Myths About Wicca:

Citazione
Wicca can be an eclectic practice
 
This is one of the more bizarre myths about Wicca.  Consider the facts:  Wicca is an initiatory mystery religion, which means that in order to practice the religion in the fullest sense (i.e. an experiential, coven based religion), one must be an initiated member of a coven.  Now, consider that a non-initiate will have access only to the public teachings of Wicca and that they will be unable to practice the religion in the fullest sense and thus are not truly practicing Wicca.  Now, further consider the idea that a person takes only those public teachings, removes what they don’t like and combines the remainder with teachings from other paths and their own personal beliefs.  Does this still resemble Wicca?  It is unlikely that it does, and thus the concept of eclecticism in the context of Wicca, or indeed any religion, is somewhat ridiculous.  This is not to say that eclecticism itself is impossible.  It is perfectly possible to carve out your own religious path from whatever teachings work for you, but to claim it to be Wicca, or any other specific path is incorrect.



Le molte, moltissime altre perle le lascio scoprire a voi, insieme al rinnovato appello di imparare l'inglese... dirò solo che il sito stesso, e la autorevole voce dei suoi curatori, conferma il fatto che non è che Azrael è cattivo e non vuole che la bimbaminkia di turno possa essere wiccan.

Questo per chiudere una volta per tutte certe diatribe sterili, e magari invogliando chi vuole DAVVERO abbracciare la Wicca a spegnere il computer, uscire di casa e andarsi a cercare una vera congrega.
"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

Offline aria

  • -
  • **
  • Post: 1207
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #1 il: Giugno 30, 2011, 10:41:08 am »
Grazie Azrael; anche se non sono Wiccan e la Wicca mi interessa relativamente, ho trovato la parte storica interessante.

Hai fatto bene a postarlo.

Offline Shiray

  • -
  • **
  • Post: 812
  • Noi viviamo per rendere possibile l'impossibile...
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #2 il: Giugno 30, 2011, 10:44:26 am »
Chiaro, preciso e diretto!
<<Vedere non è Credere... Credere è Vedere!>><<Io credo nella filosofia!>> [Ipazia]

Offline -kay-

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 167
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #3 il: Settembre 18, 2011, 10:31:10 pm »
Se posso permettermi di intervenire in questa eterna diatriba, si può dire che questa confusione, tra chi può essere considerato Wiccan e chi invece no, nasce anche dal diverso atteggiamento e punto di vista che si è andato formando perlopiù in America, rispetto alla Gran Bretagna.

I Britannici, nella maggior parte dei casi, considerano come Wiccan, solo coloro che sono stati realmente iniziati ad una delle tradizioni della Wicca (al massimo, quelli di più larghe vedute, possono includere anche quelli iniziati a tradizioni di Witchcraft ispirate in larga parte alla Wicca). In Gran Bretagna invece tutti gli altri praticanti vengono considerati molto più genericamente e semplicemente come pagans o witches, non Wiccan.

In America purtroppo tendono a fare una gran confusione tra Wicca e Witchcraft, come se le due pratiche fossero la stessa cosa, come se fossero due termini intercambiabili, due sinonimi; perciò sotto il termine Wicca vengono infilati dentro tutti i praticanti di tutte le varie forme di Witchcraft (e questo lo fanno soprattutto molti autori di libri, più o meno di successo: secondo me lo fanno maliziosamente, perché  sanno che far rientrare la loro pratica di Witchcraft in una specie di gran calderone della Wicca, pur non avendo alcun titolo, permette loro di vendere molte più copie; di conseguenza più libri di questo genere vengono venduti, più la confusione aumenta, insieme alla falsa informazione: badate bene che io non voglio e non posso giudicare a priori che una altra pratica di Witchcraft possa avere tutta una sua validità e dignità, ma semplicemente  voglio affermare che se essa non appartiene alla Wicca, non vi appartiene e basta, ed è una falsità affermare il contrario).

Offline -kay-

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 167
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #4 il: Settembre 19, 2011, 11:39:31 pm »
E' passato un giorno dalla mia precedente risposta e nel frattempo mi è ritornata in mente anche la posizione di Doreen Valiente a questo proposito.

Dovreste sapere che Doreen è giustamente considerata come una delle madri della Wicca; lei è stata una delle prime Alte Sacerdotesse di Gardner ed assieme a lui ha svolto un compito fondamentale nella riscrittura del Libro delle Ombre (creando o ricreando in questo ruolo alcuni veri capolavori di poesia, come il Charge of the Goddess). Poi i due hanno avuto delle diatribe e si sono separati, per poi riconciliarsi e rimanere in buoni rapporti fino alla fine della vita di lui nel '64.

Ebbene, per non so quale strano paradosso la Valiente (che è vissuta poi fino al 1999, vivendo perciò anche gli anni di separazioni e lotte tra le tradizioni) non ha mai fatto distinzione tra Wicca e Witchcraft, anzi... senza troppe puzze sotto il naso, è stata sempre piuttosto di mentalità aperta nei confronti di tutti i praticanti della Witchcraft; inoltre, rispetto ai Gardneriani più tradizionalisti, è stata sempre collaborativa nei confronti degli Alexandriani (ha approvato il lavoro dei Farrar, contribuendo ad una delle appendici della Witches Bible). Ha apprezzato moltissimo il lavoro di Robert Cochrane, che non può essere certamente definito come strettamente wiccan, proclamandolo uno delle migliori streghe della sua generazione e scrivendo un epitaffio bellissimo in occasione della sua morte (è quello che vorrei dedicassero anche a me, nel giorno in cui passerò oltre il velo).

Parafrasando una celebre frase di Simone de Beauvoir la Valiente ha affermato che “A witch... is witch... is witch” ribadendo semplicemente il concetto che una strega è colei che si sente strega e si comporta di conseguenza.

La mia posizione come iniziato alla Wicca più tradizionale, dovrebbe essere tra quelle più restrittive ed intransigenti nei confronti di chi si spaccia per Wiccan, ma in realtà mi trovo molto di più a condividere la posizione più aperta di Doreen, soprattutto nei confronti di chi lo fa genuinamente o ingenuamente senza sapere quali possono essere le differenze; l'unica cosa che mi può dare un po' fastidio è una certa malizia, se non addirittura una certa palese falsità, di coloro che invece si proclamano surrettiziamente come Wiccan... ma comunque non mi fascio di certo la testa per questo.

Offline SiBeeCee

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 15
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #5 il: Ottobre 12, 2011, 08:50:22 pm »
Infatti in giro c'è tantissima confusione in merito all'argomento.
La prima volta che ho visitato questo sito,
ho capito subito che se vuoi essere Wiccan devi essere
iniziato da un sacerdote o da una sacerdotessa in una congrega.
E scritto tutto su: "Approfondimenti"
Quindi spero di riuscire a trovare una vera congrega, come dice giustamente Azrael.
Poi le cose vanno fatte per bene. Ovviamente, non smetterò mai di leggere i libri, perché
è sempre meglio sapere più cose ed essere informati.

✰.¸¸.• Tutto puoi fare, ma mai del male dovrai arrecare •.¸¸.✰
❈.¸¸.• Non ti mettere a giudicare la gente, sennò la gente si mette a giudicare te. .¸¸.•❈

Offline VeroEagle

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 44
  • Pacifica orsa
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #6 il: Ottobre 13, 2011, 12:54:00 pm »
Io non mi spaccio per wiccan, mi considero aspirante wiccan, ma mi sento una stregha e mi comporto da strega...spero di trovare anche io una congrega in futuro, perchè sarebbe una cosa davvero importante.
Rilassati e ascolta la voce della Terra che ti sussurra.

Offline maghella999

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 130
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #7 il: Ottobre 15, 2011, 10:06:30 am »
Concordo in parte.

Dato per assunto che la Wicca è una religione iniziatica e misterica è sostanzialmente corretto affermare che la cosiddetta "pratica solitaria" può rappresentare un completamento più introspettivo ed intimista rispetto ad una pratica "comunitaria" che dovrebbe, comunque, essere presente.

A mio parere non si può dire di avere fatto esperienza di un percorso misterico se non si è praticato con altre persone seguendo cammino dal ben definito nucleo mistico e rituale.

Quello su cui dissento lievemente è il fatto di dare per scontato che tali percorsi debbano per forza essere Tradizioni consolidate della Wicca (Gardneriana, Alexandriana, Faery ecc...). In fin dei conti la Wicca è una religione creata ex novo nei primi decenni del '900 (concepita, quindi, anche con precisi riferimenti geografici e culturali) e alcune tradizioni lasciano ampio spazio di manovra per quanto riguarda la creazione di un percorso personale. In definitiva, secondo me, è possibile la creazione di un percorso mistico ed iniziatico "nuovo" rimanendo sempre sotto quel grande calderone che è la dicitura "Wicca".

Ovviamente un procedimento simile ha una complessità che è ben lungi dal mischione nonsense di molti gruppi di pratica che (cit.) "seguono solo il loro sentire" e arrivano puntualmente a concludere un bel nulla (parlo sempre dal punto di vista mistico, non da quello devozionale o spirituale).

Secondo me questo processo potrebbe rivelarsi particolarmente interessante e fecondo in un paese come l'Italia che avrebbe da offrire una varietà di substrato culturale e religioso senza pari...insomma di materiale a cui ispirarsi per re-inventare ce ne sarebbe a iosa.
Mi accorgo, però, che quello che manca in questo momento è proprio la materia prima, ovvero le persone disposte a spendere tempo, energia e dedizione in un percorso coerente (sia essa una Tradizione "classica" o no).
Lo spirito dei nostri tempi rifiuta alla radice l'idea di "iniziatico" perchè tutto deve poter essere accessibile e le regole e i rituali stabiliti servono solo a quei tristi figuri che non riescono o non vogliono seguire un fantomatico "sentire" interiore che pare metta in contatto diretto con i più grandi misteri del Divino. Pare quasi ci si debba vergognare dell'essere così spiritualmente sterili da poter concepire una regola e una disciplina e in questo modo l'iniziazione resta solo un gingillo da esibire per poter vantare una certa serietà  e un senso di appartenenza (mi sono auto-iniziato quindi adesso sono wiccan!).

Diritti alla meta dell'estraniazione dalla massa e dell'auto-celebrazione del sè a costo zero con buona pace del concetto per cui ciò che conta è il percorso.
"Nunc meis vocata sacris, noctium sidus, veni
pessimos induta vultus, fronte non una minax.
Tibi more gentis vinculo solvens comam
secreta nudo nemora lustravi pede
et evocavi nubibus siccis aquas"
Seneca, "Medea" (750-754)

Offline morganafaerie

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 390
    • Facebook
Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #8 il: Ottobre 16, 2011, 08:57:46 pm »
Si, quello che conta e' il percorso, l'iniziazione e' solo una tappa.
Nessuno può autoiniziarsi ed esiste l'iniziazione da parte degli Dei e l'iniziazione a una tradizione e quella ad una famiglia. Sono vari aspetti ma sono cose diverse. Una tradizione potrà decidere quali sono i dettami per quella tradizione, ma nella Wicca non si può fondare una nuova tradizione se non si e' un terzo grado di una tradizione preesistente. E' una regola che fa parte della tradizione stessa. Un Wiccan eclettico potrà ovviamente fare ciò che meglio ritiene opportuno, magari anche meglio di un Wicca tradizionale, ma i Misteri della tradizione gli saranno preclusi. Ne potrà magari, se e' capace, svilupparne altri ma sara una cosa diversa.
Occorre essere consapevoli di questo.
BB
"O sweet illusions of song that tempt me everywhere,
In the lonely fields, and the throng of the crowded thoroughfare!

I approach and ye vanish away, I grasp you, and ye are gone;
But ever by night and by day, the melody soundeth on.

As the weary traveller sees, in desert or prairie vast,
Blue lakes, overhung with trees that a pleasant shadow cast;

Fair towns with turrets high, and shining roofs of gold,
That vanish as he draws nigh, like mists together rolled

So I wander and wander along, and forever before me gleams
The shining city of song, in the beautiful land of dreams.

But when I would enter the gate of that golden atmosphere,
It is gone, and I wonder and wait for the vision to reappear"

(Henry Wadsworth Longfellow)

Offline LilithBastet

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 33
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #9 il: Novembre 15, 2011, 06:34:47 am »
a mio parere una descrizione molto precisa....degli estratti davvero belli....
concordo con morganafaerie sul fatto che l'iniziazione sia un tappa...poi ognuno sceglie la sua strada...soprattutto se è un wiccan eclettico.....domanda per Azrael...ti spiace rimettere il link? perchè non me lo apre..reindirizzandomi a una pag vuota...grazie!
" Mau Bast! Mau Bast! A Basti, per em setat,
erta-na chu em asui neter sentra semu hena
net'emmit, hetep ab em asui tau heqt. "

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #10 il: Novembre 15, 2011, 06:44:44 am »
http://www.wiccaexplained.350.com

Basta cercare Wicca Explained su Google se questo link non dovesse funzionare.
"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

Offline Morgante

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 76
  • Un accademico senza accademia
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #11 il: Novembre 18, 2011, 04:47:54 pm »
Io credo che ciò che conta sia in effetti il percorso, ma che per tale si debba intendere il "percorso iniziatico" dell'individuo, e senza quest'iter bé...c'è poco da fare, in tal senso si può dire che l'iniziazione è fondamentale. Ognuno di noi ha avuto delle esperienze e ha appreso delle cose, queste cose ci avranno più o meno cambiato, forse nemmeno, ci hanno solo reso più consapevoli di chi e cosa siamo. Il percorso iniziatico ti porta a riscoprire te stesso, ne sei il punto di arrivo e al contempo il punto di partenza, quando hai fatto la tua brava strada e sei arrivato ad acquisire quel grado di consapevolezza di te stesso che ti fa dire:"Sono Wiccan", bé, io credo che hai avuto la tua iniziazione, resta da vedere se c'è o meno la consapevolezza di quel che dici di essere, consapevolezza che comunque si accresce col tempo e l'esperienza. Non condivido il punto di vista secondo il quale "solo un Wiccan può fare un altro Wiccan" perché penso che solo la Dea e il Dio possano fare un Wiccan, insomma..chi è più qualificato?
Matto???Mmm...Matto...mmsi...Bé, un matto è uno che pensa quello che per la maggior parte della gente è sbagliato, la vostra normalità è sopravvalutata!!!Prova a pensare anche tu come me, mmm......Non ti va?

Offline Azrael

  • Adepti
  • -
  • ***
  • Post: 1417
  • Adoratore della Grande Seppia™
    • facebook
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #12 il: Novembre 19, 2011, 03:56:06 am »
E siamo alle solite.

Non importa quello che tu pensi... importa solo come stanno le cose.
Un Wiccan si fa se viene iniziato da un Wiccan in una congrega.
"...era questo che rendeva Dagon tanto indigesto: la sua intelligenza superava di gran lunga la media, ma non aveva nessuna voglia di usarla per interagire con il resto della razza umana."
Francesco Dimitri in "La ragazza dei miei sogni"

"Nothing is purely good or evil, these are relative terms that man has hung upon unacceptable mysteries. To my particular belief the Goddess, white with works of good, is also black with works of darkness, yet both of them are compassionate, albeit the compassion is a cover for the ruthlesness of total Truth. Truth is another name for the Godhead. Male or female doesn't really matter, what does matter is the recognition of neither good or evil, black and white, but the acceptance of the 'will of the Gods', the acceptance of Truth as opposed to illusion."
Robert Cochrane in "The Roebuck in the Thicket"

Offline Morgante

  • Utenti Normali con presentazione
  • -
  • **
  • Post: 76
  • Un accademico senza accademia
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #13 il: Novembre 19, 2011, 12:25:28 pm »
Ok, ok!Non sono qui per cercare di cambiare le idee di qualcuno, credo comunque che il discorso, a portarlo avanti, finirebbe col girare intorno a termini e definizioni, ed in questo caso, ma sia chiaro che parlo solo per me, finirebbe per perdere di interesse, ad ogni modo nemmeno i più saggi possiedono tutte le risposte...ma poter dire che le cose stanno in un determinato modo sicuramente aiuta, un pò come gli assiomi in matematica
Matto???Mmm...Matto...mmsi...Bé, un matto è uno che pensa quello che per la maggior parte della gente è sbagliato, la vostra normalità è sopravvalutata!!!Prova a pensare anche tu come me, mmm......Non ti va?

Offline Philomela997

  • Utenti Normali con presentazione
  • Newbie
  • **
  • Post: 1
  • At the still point of the turning world [TSE]
    • Philomela997
Re:Wicca Explained - per coloro che possono leggere in Inglese
« Risposta #14 il: Marzo 13, 2012, 03:06:48 am »
Grazie del link! Avevo scoperto il sito leggendo gli approfondimenti, ma andando alla fonte c'è tantissimo materiale!
Premettendo che io non sono iniziata e che non so se vorrò diventare Wiccan (sono qui soprattutto per capire e imparare, il mio primo approccio è sempre di studio), mi ha colpito molto la divergenza di opinioni circa la possibilità di praticare/iniziarsi da soli.
Ora, non so se questa domanda sia fuori luogo, ma la pongo lo stesso.
Capisco bene che non sia possibile iniziarsi da soli (così come un prete Cattolico non può prendere i voti autonomamente, sarebbe assurdo!), eppure le spiegazioni che ho trovato finora mi sembrano basate su un principio di Ipse Dixit, mentre sono quasi certa che non sia così. Dunque la mia domanda è: qual'è la spiegazione "teologica" al fatto che per ricevere l'iniziazione siano necessari una congrega e dei Wiccan più esperti?
Maybe the soulmate is the person who forces your soul to grow the most [SFU]

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Giugno 23, 2021, 07:30:14 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB