*

Autore Topic: RADICAMENTO E CENTRAMENTO  (Letto 7035 volte)

Offline Heledd

  • -
  • **
  • Post: 71
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #30 il: Luglio 23, 2009, 02:42:24 pm »
Citazione
Il "Centering" che tu chiami "radicamento" dovrebbe servirti per "acquisire" le energie della terra, visualizzando le radici che sprofondano nel terreno fino a raggiungere il cuore di Gaia, quindi non verso la terra ma verso di te.

Il "Grounding" invece è rilasciare le energie in eccesso DOPO averle acquisite e dopo aver chiuso il cerchio (se è stato aperto) o dopo aver fatto quello che dovevi fare.

Sono termini intorno ai quali c'è spesso confusione, ma in linea di massima dato anche il significato letterale non è così.

Il Grounding, tradotto come radicamento, è una tecnica che serve ad assorbire energia dal "basso" (contrariamente per esempio al Middle Pillar) connettendo il chakra basale con la terra. A volte lo si legge anche in riferimento al processo inverso cioè quello di scaricare a terra.

Il Centering invece serve a connettersi con il proprio centro, Manipura chakra, che è connesso alla affermazione della propria volontà, all'autocosapevolezza, quindi è corretta l'interpretazione di Alial.

Citazione
Io trovo che sia sempre un male forzarle da una parte all'altra del proprio corpo: se le energie stanno da qualche parte, c'è un motivo, e finché non conosci quel motivo, e finché non ne conosci le dinamiche, a spostarle crei più casini che altro.

Non sono molto d'accordo. Grounding e Centering, come d'altra parte alcuni lavori elementari sui chakra, sono la base. Se non inizi da quelli da dove inizi? Le dinamiche si capiscono solo provando e i "casini" con tecniche di questo tipo sono al più un pò di mal di testa o di spossatezza.



Emrys

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #31 il: Luglio 23, 2009, 02:50:28 pm »
Se non inizi da quelli da dove inizi?

Inizi dallo sciogliere tutti i blocchi energetici che indeboliscono corpo e mente.


...e i "casini" non sono solo spossatezza e mal di testa: a seconda dell'intensità con cui lavori, e della tenacia con cui lavori, rischi anche nevrosi e, quel che è peggio, psicosi, paresi e parestesie più o meno parziali, problemi nella sfera della respirazione, della sessualità, tachicardie, infarti... eccetera.

Questi dati sono emersi, tra l'altro, durante il simposio di praticanti di Qigong clinico tenutosi all'università Fudan si Shanghai nel (credo) 1992 (ce l'ho a casa, il resoconto, ma ora sto al mare)... in cui medici preoccupatissimi facevano notare come maestri di arti marziali frettolosi spingessero gli allievi ad "affondare l'energia" troppo in fretta, il che comportava, a livello clinico, uno squilibrio tra la parte superiore e quella inferiore del corpo, con vari et complessi effetti collaterali.

Insomma, meglio andarci piano, con le energie.

Offline Heledd

  • -
  • **
  • Post: 71
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #32 il: Luglio 23, 2009, 03:22:07 pm »
Non lo metto in dubbio. Ho seguito un corso di Yoga per un paio di anni, il mio maestro la pensava come te: un anno intero di solo asana e respirazione (nemmeno pranayama vero e proprio), parlare di "energia" era tabù proprio per le stesse motivazioni che elenchi.
Però finchè si parla di radicamento, centramento ecc. non mi starei a preoccupare, fra un approccio assolutamente dolce e graduale e uno rapido e rischioso ci sono tante mezze misure.
Devi sciogliere blocchi dici, ok, per scioglierli però devi prendere coscienza del tuo sistema energetico e della tua fisiologia sottile e per farlo puoi solo che sperimentare.
Finchè non vai a cercare energie esterne (lavoro di gruppo, channeling...) i rischi psico-fisici per una persona sana sono molto bassi.
Poi ognuno fa come meglio crede.
 

Offline Shaya

  • -
  • **
  • Post: 1505
  • Sono vecchia. Ma mi piace
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #33 il: Luglio 23, 2009, 06:25:07 pm »
Condivido quanto scritto da Heledd.

Io sapevo che il centering serve appunto per connettersi con la propria energia interna, per trovare il proprio centro e la propria consapevolezza.

Per quanto mi riguarda uso il grounding sia per caricarmi, sia per scaricarmi.

Emrys

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #34 il: Luglio 23, 2009, 10:05:11 pm »
@Heledd e Shaya: Dipende da quel che un pratiante vuole raggiungere. Se il livello della pratica resta leggero e "superficiale" per tutta la vita, posso praticare centering e grounding senza timore, in modo "diretto".

Se, però, voglio approfondire la pratica, considerando che tali tecniche sono proprio alle radici dell'azione magica... forse è il caso di rafforzare le radici se vogliamo che l'albero cresca forte.

Vento Notturno

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #35 il: Luglio 24, 2009, 10:36:49 am »
Sorvolando sui termini, quello che mi sembra è comunque che ci sia passato un metodo sbagliato. Non è la prima persona che sento di qualcuno che ha imparato questo metodo e al di là delle pratiche orientali e il resto, chiamandolo come lo si vuole chiamare, il punto è la pratica che non ha una conseguenza corretta.
Se uno cede energia alla terra e poi lavora con l'energia o si carica, lavora e non si scarica c'è proprio un problema di metodo.

Offline unkind

  • -
  • **
  • Post: 574
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #36 il: Luglio 24, 2009, 11:34:11 am »
e poi mal di testa e spossatezza a non finire -.- io l'ho passato pure  :glare:

alial

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #37 il: Luglio 24, 2009, 01:51:54 pm »
ok
da quello che ho capito grazie a Vento, il problema è il caricarsi e scaricarsi...
caricarsi quando si ha bisogno di energia, scaricarsi quando la si ha in eccesso... e comunque sia tentare di ''riequilibrarla'' sempre e comunque...

mi sembra in generale che ci sia un po di confusione a riguardo, per adesso penso che mi limiterò a ''percepire'' le energie al di fuori e dentro di me, senza ''dirigerle'', non mi sembra un punto di partenza sbagliato..

che dite ?

Vento Notturno

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #38 il: Luglio 24, 2009, 02:03:52 pm »
Dunque, il radicamento, o grounding o come vuoi chiamarlo, è un lavoro che si fa SEMPRE in via meditativa per imparare a percepire l'energia. E' anche un buon esercizio di visualizzazione se vogliamo. Sedersi a terra, spina dorsale dritta e coccige che tocca terra. Considera che la spina dorsale  fino alla cima del cranio è la nostra (passami il termine) autostrada dell'energia, che fluisce attraverso i sette chakra. Quando tu acquisisci energia dalla terra ti guarisci e ti ricarichi, ma il tuo corpo si può riempire troppo, perciò, alla fine del lavoro magico, meditativo, preghiera o quello che devi fare, scarica sempre ciò che c'è in eccesso con la stessa identica visualizzazione meditativa. In questo modo non solo impare a gestire l'energia, ma rendi alla terra ciò che non ti serve e non rimani troppo carico, il che dà sensazioni spiacevoli.
Non smettere di farlo, solo impara a scaricare dopo che hai finito.

Offline Enid Black

  • -
  • **
  • Post: 154
  • )O( )O( )O(
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #39 il: Luglio 24, 2009, 02:35:48 pm »
Un altro modo per scaricare quando senti di avere preso troppo (o, come è capitato a me, sei in luoghi molto "intasati" che ti provocano questo tipo di malessere) è poggiare i palmi e la fronte a terra e far passare l'energia da lì. Almeno, a me funziona quando sono in overload (mi è capitato ad esempio avvicinandomi a luoghi di culto - di qualunque religione - molto antichi o dove la gente rivolga molta energia, oppure laddove le linee energetiche formano nodi... )
Enid Black

Ascoltate ora le parole delle Streghe
I Segreti che nella notte abbiamo nascosto
Quando il buio era il sentiero del Destino
Che ora ci porta nella luce al nostro posto...


Emrys

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #40 il: Luglio 24, 2009, 10:45:13 pm »
[...] per adesso sta tensione non molla o se lo fa è per periodi brevi [...]

Per la tensione, prova a fare così: resta in piedi, a gambe divaricate, in posizione "comoda" (non troppo rigido, non troppo molle ed accasciato) e tenendo gli occhi aperti ascolta il tuo corpo, dalla cima della testa (sarebbe meglio un poco sopra, diciamo la zona corrispondente all'aura, ma almeno la testa va bene) e scendi gradualmente (collo, trapezi, spalle, braccia, polsi, mani, dita; poi di nuovo parte alta della schiena, schiena, petto, addome, bacino, gambe eccetera) e dove senti tensione NON cercare di rilassarla (se "cerchi" di rilassare finisci per "forzare" un rilassamento che non c'è - quindi crei nuova tensione per rilassarti!).

Quando senti tensione fermati, ascolta la tensione, e con l'ascolto entra nella tensione: così facendo questa si dovrebbe prima acuire (definire), poi pian piano dissolvere. IN alternativa, prova a respirare dentro la tensione - inspira dalla tensione, espira dalla tensione, finché non si è sciolta. Poi scendi verso il basso alla tappa/tensione successiva.

Ricordati di procedere sempre dall'alto verso il basso, mai al contrario... e nell'ascolto procedi fino a circa un metro sotto i piedi (le radici - o se preferisci il radicamento ;) )

Prova e dimmi se funziona! Per me ha sempre funzionato, anche con i mal di testa o di schiena più tenaci... ;)

p.S. Puoi farlo anche a letto, ma la posizione in piedi, se riesci a tenerla il tempo sufficiente, permette un flusso naturale verso il basso.

p.p.S. Se sei una fanciulla potresti avere un altro genere di problemi dalla posizione in piedi - TUTTO fluisce verso il basso, e... beh se non hai capito mandami un pm con discrezione ;)
« Ultima modifica: Luglio 24, 2009, 10:46:55 pm di Emrys »

alial

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #41 il: Luglio 25, 2009, 12:30:51 pm »
[...] per adesso sta tensione non molla o se lo fa è per periodi brevi [...]

p.p.S. Se sei una fanciulla potresti avere un altro genere di problemi dalla posizione in piedi - TUTTO fluisce verso il basso, e... beh se non hai capito mandami un pm con discrezione ;)

mm no non ho capito
purtroppo non sono abilitata a mandare i pm
comunque provando il metodo di appoggiare fronte e mani a terra mi son sentita subito meglio, quindi grazie per le info
ot: mi piace un sacco sto forum <3

Emrys

  • Visitatore
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #42 il: Luglio 25, 2009, 01:41:37 pm »
[...] per adesso sta tensione non molla o se lo fa è per periodi brevi [...]

p.p.S. Se sei una fanciulla potresti avere un altro genere di problemi dalla posizione in piedi - TUTTO fluisce verso il basso, e... beh se non hai capito mandami un pm con discrezione ;)

mm no non ho capito
purtroppo non sono abilitata a mandare i pm

mmmh  in realtà sono io che, maschietto, quando parlo/scrivo di cose femminili sono sempre un po'  :blushing: :blushing: :blushing: :blushing: :blushing: :blushing: :blushing:

Mettila così: nei giorni del ciclo, soprattutto all'inizio, pare che le tecniche di lavoro energetico in piedi causino un aumento del flusso e, all'inizio, un acuirsi dei dolori - che però, grazie alle tecniche stesse, vengono sopportati meglio e, pare, scompaiono anche prima. Se poi c'è una gravidanza in corso, certe tecniche dovrebbero essere praticate con molta autela e molto buon senso ;)

OT: Questo è davvero un bel posto - ci sto da quasi sei anni, io, e ogni volta che torno mi sento come a casa... ;)

Offline WiccanLove

  • -
  • **
  • Post: 58
Radicamento e energia alla terra
« Risposta #43 il: Luglio 31, 2009, 10:47:20 am »
Spero di non aver sbagliato sezione.
Buongiorno a tutti!
Nel forum ho letto come radicarsi correttamente, ma mi è venuto un dubbio! Che senso ha inviare energia di guarigione alla terra se quando ci radichiamo per caricarci la prendiamo dalla terra stessa?
Bacino a tutti!

Offline Estel.Love

  • -
  • **
  • Post: 160
RADICAMENTO E CENTRAMENTO
« Risposta #44 il: Luglio 31, 2009, 12:46:12 pm »
Per quel che ne sò io, Il radicamento o "albero della vita" consiste proprio nell'immaginare (mentre siamo seduti con la schiena dritta) il nostro corpo come il tronco di un albero. Dalla base di questo tronco comincano ad estendersi delle radici verso le profondità della terra. Dopo che si è eseguito questo passo, possimo assorbire il potere della terra con ogni respiro.. sentire l'energia proprio come la linfa che attraversa gli alberi.. sentirci più vivi ad ogni respiro..
Dalla sommità del capo, bisogna immaginare dei rami che salgono su per poi ricadere fino a toccare terra, sentire il potere che irrompe dal capo per poi passarre attraverso i rami e infine scaricarsi a terra.. facendo ritornare l'energia alla sua fonte..come per formare un circuito..

Questo è l'esercizio che mi hanno mostrato. A mio parere credo che fare questo tipo di esercizo sia molto imporante, serve a imparare a percepire l'energia e prendere maggiore consapevolezza di essa.
un abbraccio a tutti voi..  :60:
Ragazzi, non spaventatevi se sparisco per un pò.. sarò a Londra per una settimana  :)

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Giugno 23, 2021, 08:15:20 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB