*

Autore Topic: Wicca: intervista (LUNGO)  (Letto 1408 volte)

Zephyrus

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« il: Novembre 07, 2003, 01:48:40 am »
Vi propondo un\'intervista fatta a un certo Carlo Climati, giornalista e scrittore italiano che ha scritto un libro che si intitola “I giovani e l\'esoterismo. Magia, satanismo e occultismo: l\'inganno del fuoco che non brucia” (ed. Paoline). Pare che questo volume sia già un best seller in Italia e nei Paesi dell\'America Latina. Stranamente i paesi piú cattolici del mondo...  :roll: ma vabbé... proseguiamo con l\'intervista.

Climati, che cos\' è la Wicca?

E\' un culto neopagano che ha origine nel mondo anglosassone e si propone come una specie di “stregoneria buona”. Non è né una setta, né un\'organizzazione con dei leader o delle strutture precise. E\' semplicemente una corrente di pensiero esoterica, alla quale può aderire chiunque, anche senza appartenere a qualche gruppo particolare.

Che cosa propone questa corrente di pensiero?

E\' un miscuglio di paganesimo, magia e superstizione. Inoltre, c\'è una venerazione esagerata per la natura, che viene divinizzata e adorata. I seguaci della Wicca credono nella reincarnazione, che considerano una “evoluzione dell\'anima”. Praticano una serie di riti magici che avrebbero lo scopo di raggiungere dei particolari obiettivi: dagli incantesimi d\'amore alle cerimonie per arricchirsi e “attirare il denaro”.

Perché la Wicca si propone come una “stregoneria buona”?

Perché i seguaci della Wicca sostengono di non volere il male di nessuno e non vogliono assolutamente confondersi con i satanisti. Tuttavia, secondo me, la Wicca non si può considerare un culto positivo. In alcuni casi, propone dei rituali attraverso i quali si possono esercitare dei poteri sulla vita delle persone. E questo non è giusto. Gli esseri umani non sono burattini da controllare a proprio piacimento. Un altro aspetto negativo è quello della superstizione. I seguaci della Wicca sono convinti che le pietre, le erbe, le fiamme e il vento contengano delle particolari energie, in grado di produrre effetti sulla vita quotidiana. Di conseguenza, finiscono per diventare schiavi degli oggetti, degli amuleti e dei talismani.

E\' vero che la Wicca ha molto successo tra i giovani?

Purtroppo sì. Alcuni film e telefilm hanno reso popolare la Wicca. Anche certe riviste per adolescenti ne parlano spesso, proponendola come una specie di “religione alternativa”. Le ragazze, soprattutto, sono affascinate dall\'idea di essere delle “streghe buone”, ed utilizzano i rituali della Wicca per cercare di risolvere i piccoli problemi della vita quotidiana. Si chiudono nella loro cameretta e preparano delle vere e proprie cerimonie, con candele e incensi.

Questo, secondo lei, può essere rischioso?

Il rischio che si cela dietro la Wicca è chiaro. E\' l\'invito a credere che esista una “magia buona”, una specie di “alleata” per risolvere i problemi della vita di tutti i giorni. Una vita che, per molti ragazzi, è dominata dalla solitudine, dall\'assenza di dialogo in famiglia, dalle difficoltà nella scuola o nei primi approcci con il mondo del lavoro.
Quando si è soli, è molto facile essere vittime della magia e della superstizione. Ci si attacca a tutto, anche ad un amuleto. La Wicca, secondo me, trova terreno fertile nella vita di tanti giovani, spesso caratterizzata da situazioni familiari difficili, incomunicabilità, silenzi, disillusioni, incertezze sul proprio domani.

Quali possono essere gli effetti della Wicca sul comportamento dei ragazzi?

A lungo andare, c\'è il rischio di diffondere tra i giovani una non-cultura del non-impegno. Ci si affida a qualcosa di estraneo alla propria vita per risolvere un problema. I ragazzi rinunciano ad impegnarsi per raggiungere un obiettivo, delegando tutto alle presunte “energie” di qualche rito o amuleto.
La Wicca, secondo me, rischia di creare tra i ragazzi una mentalità del “non fare”, del “non agire”, in attesa che qualche potere esterno risolva i propri problemi quotidiani.
E\' la legge del “Voglio tutto e subito”. Mi piace una ragazza? Invece di conquistarla con la simpatia e con la dolcezza, mi affido ad un rito magico. Ho un dubbio sul futuro? Invece di usare la testa per trovare una soluzione intelligente al problema, mi affido alla Wicca. Lo stesso accade se voglio superare un esame a scuola o all\'università. Invece di impegnarmi seriamente nello studio, recito una formula magica o mi metto in tasca un talismano portafortuna.

Come difendere i giovani da certi rischi?

E\' necessario incoraggiare una nuova “cultura dell\'impegno”, che valorizzi i piccoli sforzi della vita quotidiana per raggiungere un particolare obiettivo. Se vogliamo conquistare una ragazza, non compriamo un amuleto. Regaliamole un bel mazzo di fiori. Inoltre, è opportuno promuovere una sana “cultura del limite”. Educare i giovani a capire che nella vita non si può avere tutto. Bisogna saper accettare i propri limiti. Se non riesco ad avere l\'amore di un ragazzo o di una ragazza, non devo ricorrere al rito della Wicca per sperare di cambiare la situazione. Devo saper accettare questa piccola sconfitta e rituffarmi nuovamente nella vita di tutti i giorni, cercando con rinnovato entusiasmo un amore nuovo. Una sana riscoperta della cultura del limite e dell\'impegno personale potrà sicuramente aiutare i giovani ad essere più forti. Ad affrontare meglio la vita, superando incertezze e paure. E senza bisogno di ricorrere alle superstizioni della Wicca.


A chi é interessanto, posso dare il sito presso il quale ho preso l\'intervista. Mandatemi un PM :wink:                    

MinervaMG

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #1 il: Novembre 07, 2003, 01:59:41 am »
...Ehm....posso? :shock:

AHAHAHHAHAHAHHAHAHA :lol:

Non ci credo....non poteva che essere sponsorizzato dal vaticano questo :D

Bel trattato di ignoranza comunque, complimentoni allo scrittore.
Una cosa non mi è chiara: ci crede alla magia o no? :shock:                    

Belili

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #2 il: Novembre 07, 2003, 09:15:44 am »
questo solo dell edizione delle Paoline poteva essere...scusate poi mi fanno diventare stronzo e ignorante, io rispetto tutti e con tutto me stesso, solo finchè vengo rispettato...se si vuole rispetto bisogna anche porare rispetto!!! ma nn si è reso conto proprio di che sparava...a partire dal far innamorare qualcuno in specifico!!! poveretti!!!
...Blessed Be...

)O(...BeLiLi...)O(                    

Belili

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #3 il: Novembre 07, 2003, 09:21:16 am »
un\'altra cosa...il rispetto esasperato per la Natura!!! è come se io andassi in Chiesa e dicessi avente un rispetto esasperato per quelle statue...io boh, non ho parole...una cosa ce l\'ha azzeccata però...troppi ragazzi e sopratutto ragazze incoscienti la prendono come moda e come risoluzione dei problemi(impossibile!!! la Wicca...(Stregoneria Italiana per me)...è Religione e Fede nn incantesimi!!!)questo è vero...MA NN TUTTI SIAMO UGUALI, questo forse lui non lo sa!!! Salvateli!!!
...Blessed Be...

)O(...BeLiLi...)O(                    

Suzuran

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #4 il: Novembre 07, 2003, 11:14:14 am »
Penso che adesso mi  inimicherò molti qui sul forum, ma a me alcune cose scritte da questo tizio mi sono piaciute, non sono d\'accordo naturalmente sulle conclusioni che trae, ma si vede che ha studiato cos\'è la wicca, non è quindi un\' analisi superficiale la sua e nemmeno irrispettosa, a differenza di molte persone che scrivono qui non ha usato termini offensivi o denigratori, quindi io una persona che esprime le proprie opioni la rispetto (non condivido certe opinioni)... però il discorso della magia e del volere tutto e subito, scusatemi ma è vero! e se andiamo a leggere certi post lo si evince.
Poi vi dico anche che alcune cose che lui descrive come difetti a me sono parsi come dei pregi (amore eccessivo per la natura).
Secondo me è più deleterio un mago Braham  per quelli come noi che non gli interventi di questo signore.                    

mellysun

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #5 il: Novembre 07, 2003, 11:22:46 am »
Forse hai ragione Suzuran, ma lui ha descritt iWiccan in generale,ma ci sono wiccan e wiccan e non mi va che si generalizzi così!                    

mellysun

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #6 il: Novembre 07, 2003, 11:26:11 am »
...E vorrei aggiungere che con \"venerazione esagerata della Natura\" ha solo dimostrato di saperne bene poco!                    

Kisha

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #7 il: Novembre 07, 2003, 11:26:25 am »
Suz hai ragione... se non altro sto tipo ha cercato di leggere qualcosa sulla Wicca e di informarsi.
Però quando ho letto l\'intervista ho pensato solo un \"ma che ha capito?\".

In effetti leggendo anche le tue parole mi rendo conto che finchè anche alcuni wiccan non ci hanno capito niente, non vedo perchè debba farlo lui...

Insomma..resto dell\'idea chese doveva pubblicare un\'intervista doveva farlo almeno senza trarre certe conclusioni.
Certo è che mi sto studiando una mail per rispondergli (senza insulti tranquilli non è nella mia natura)



PS ok messaggio incomprensibile :shock:                    

Belili

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #8 il: Novembre 07, 2003, 11:42:39 am »
ma infatti anche io ho detto(in maniera indiretta ma l\'ho detto!!!) che ci sono persone che pur definendosi wiccan nn lo sono affatto(ragazzi che pensano di essere Wiccan ma invece l\'hanno inerpretata mola...una moda... e non come fede, come Religione, infatti ho anche detto che concordo quanto detto a riguardo da lui), e ragazzi, parliamoci chiaro, in questo forum ce ne sono eheheheh... :? , non voglio offendere nessuno, e adesso mi odieranno(saremo in due Suz), ma chi si sentirà colpito sarà colui contro cui ho puntato il dito!!!
Abbracci di Cuore...

)O(...BeLiLi...)O(

P.S. NON vi offendete!!! NON è mia intenzione farlo, e NON è mia intenzione sollevare polemiche!!! ASSOLUTAMENTE...è solamente ciò che vedo...                    

Belili

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #9 il: Novembre 07, 2003, 11:55:23 am »
Ragazzi scusate la mia asprezza...ma avete tirato fuori una cosa che mi fa... :evil:                    

Suzuran

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #10 il: Novembre 07, 2003, 12:38:59 pm »
Ragazzi non c\'è bisogno di arrabbiarsi.
Alla fine se uno sa quello che è e quello che fa se ha in testa  la consapevolezza di quello che vuole essere,  chi se ne importa di quello che dice una persona che pratica un\'altra religione?
A me quell\'intervista non mi ha toccato minimamente, ma con questo non voglio nemmeno dire che mi sento un Wiccan migliore degli altri, anzi tutt\'altro, ho le mie idee sono convinto  delle mie scelte,  e anche se magari sbaglio non mi importa cosa dicono gli altri...sarà che in generale me ne frego di quello che pensa la gente  di me. L\'importante è quello che penso io di me stesso.
Però pensiamoci bene se uno esterno alla Wicca tira fuori  questo quadro della situazione, io penso che forse qualcosa dobbiamo chiedercelo, forse però è stato più influenzato da telefilm  che forse danno un immagine distorta (è sicuro) di quello che è la wicca.
Dalle critiche (se costruttive) c\'è sempre da imparare, o se non altro c\'è da riflettere, ma senza angustiarsi troppo.

 :wink:                    

Dragon

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #11 il: Novembre 07, 2003, 12:49:05 pm »
Perchè riscaldarsi tanto per una opinione più o meno distorta!!!
Ci sono sempre stati nella storia della wicca gli oppressori, o peggio i persecutori della magia. Positivo e negativo..., fà parte di una legge universale ben più grande di quello che potrebbe far pensare. Ricordiamoci che più sperimenteremo nella nostra vita la wicca, più le difficoltà e gli attacchi saranno maggiori. Per fortuna gli ostacoli non saranno mai maggiori delle nostre possibilità. Solo quando saremo in grado di dimostrare con la prova concreta, che la nostra vita è cambiata ed è molto migliore della loro, potremo avere la possibilità di salvarli e indirizzarli per la via migliore. Compassione ci vuole, siamo o non siamo streghe e stregoni buoni. La rabbia utilizziamola per dar più forza a i nostri incantesimi...!  :wink: Senza offesa per nessuno  :) , anzi che le vostre vite siano piene di cose meravigliose  :D .                    

bianca79

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #12 il: Novembre 07, 2003, 01:15:12 pm »
allora la gente cattolica convinta non fa le stesse cose non si porta il rosario in giro etc.. o le figure della madonna e tutti i santi.
Scusate secondo me bisogna dire a questo che noi non consideriamo la magia come sostituto all\'impegno e cercare di fare le cose prima con le nostre sole forze.

Va be... adesso trovo l\'indirizzo di sto tipo e gli mando un e-mail..
dove ha fatto l\'intervista?
bianca                    

mellysun

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #13 il: Novembre 07, 2003, 01:18:36 pm »
Sinceramente non mi sono arrabbiata per quello che ha scritto, ma mi ha comunque dato fastidio questo suo minimizzare una parte così importante di me. Certo, ha scritto anche cose vere, ma non si deve mai fare di tutta l\'\'erba un fascio!                    

mellysun

  • Visitatore
Wicca: intervista (LUNGO)
« Risposta #14 il: Novembre 07, 2003, 01:21:36 pm »
Citazione
allora la gente cattolica convinta non fa le stesse cose non si porta il rosario in giro etc.. o le figure della madonna e tutti i santi.
Scusate secondo me bisogna dire a questo che noi non consideriamo la magia come sostituto all\'impegno e cercare di fare le cose prima con le nostre sole forze.

Va be... adesso trovo l\'indirizzo di sto tipo e gli mando un e-mail..
dove ha fatto l\'intervista?
bianca


E\' vero, hai ragione Bianca! Ma poi..quali simboli?? Ma chi se li porta in giro?? Sinceramente io ho un pentacolo appeso al collo, ma non ne vedo molti in giro simboli Wiccan, o no?                    

 

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Settembre 17, 2021, 06:14:50 pm

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Ritrovaci su FB